Utente 240XXX
Salve, sono una ragazza di diciotto anni.
In linea di massima posso dire di essere un po' stitica, anche se dipende dai periodi.
Ultimamente vado in bagno abbastanza regolarmente (una volta ogni 2/3 giorni) e senza problemi.
La scorsa settimana però, dopo l'atto della defecazione, ho notato che sulla carta igienica c'era qualche goccia di sangue molto sbiadito. ( non nelle feci, solo sulla carta!)
Così è stato anche la seconda volta.
Alla terza invece non ho notato più sangue, ma bensì ho provato dolore e pizzicore durante l'atto stesso.
Devo dire che anche la seconda volta ho provato dolore e fastidio.
Dopo l'atto rimane comunque un po' di bruciore.
Al tatto non sento nè rigonfiamenti nè cose strane, ho cercato anche di controllare la zona ma, per quel che riesco a vedere, mi sembra solo un pochino arrossata.
Non ho mai avuto una cosa del genere prima d'ora.
Reputo importante dirvi che lo scorso autunno di tanto in tanto ho avuto bruciore e irritazione proprio nella zona dell'ano, ho sottovalutato il problema perchè questi fastidi sono passati da sè...ma forse sono indice di qualcosa??
Inoltre qualche settimana fa sono andata dalla ginecologa perchè avevo dei problemi vaginali e lei mi disse che mi era venuta un'infezione esterna proprio a causa di germi provenienti dal "dietro".
Non so se questo possa avere niente a che fare con i fastidi che ho adesso..
Cosa mi consigliate di fare? Cosa potrebbe essere?
Sono molto preoccupata..

ps. aggiungo che le feci sono abbastanza scure e solide senza particolari odori

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica

Gentilisima,

non c'è motivo di preoccupazione i sintomi sono compatibili con una ragade anale che è causa del sanguianmento e del fastidio anale. Ovviamente è utile una visita proctologica per confermare tale sospetto diagnostico e per instaurare la corretta terapia.

Non si allarmi.

Cordialmente.