Utente 247XXX
Spettabile dr. Cavallini
mi rivolgo a lei in quanto ho sentito parlare molto bene da un mio amico medico che la conosce.
Le spiego la mia situazione, da circa 3 anni soffro di ipotiroidismo sub clinico
e sto effettuando una cura penso a vita con eutirox 150
Prima di iniziare la cura( 3 anni fa) avevo avuto una perdita di libido che ora fortunatamente ho recuperato.
Sono in cura a pisa dal dot. Ton....era
Il dottore che mi ha in cura mi dice che se assumo regolarmente l' eutirox nei dosaggi idonei non avrò' mai problemi di libido e di erezione.
Su internet ho trovato pareri discordanti,
lei cosa ne pensa? (premetto che attualmente non ho problemi di erezione, ma non vorrei si presentassero in futuro visto che questa patologia me la porterò' avanti tutta la vita)
Chiedo un consulto a lei in quanto andrologo.
la ringrazio in anticipo della sua disponibilta'
buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
per forza legge opareri discordanti: la perdita della libido può dipendere o da problemi tiroidei, o di ormoni sessuali, o di prostata o problemi psicogeni a volte sovrapposti. Per cui prima di tutto si elimninano le possibile cause fisiche e se rimane qualche cosa è psicogeno il problema. Ergo faccia come dice il collega e pèoi valuti a doistanza come vanno le cose.
[#2] dopo  
Utente 247XXX

Iscritto dal 2012
L' endocrinologo che mi ha in cura sostiene che se faccio la cura con l eutirox e i valori sono normali anche la libido torna alla normalità . Lei cosa ne pensa ?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il suo endocrinologo l' ha visitata, io no, per cui posso solo rispondere per massimi sistemi. Faccia la cura, poi valutiamo, che non sarebbe certo la prima volta che vi sono cause sovrapposte e curata l' una salta fuori l' altra. Comunque l' approccio del collega è corretto.