Utente 569XXX
Circa tre settimane fa sono andato dal dermatologo perchè si erano formate due crosticine sul prepuzio,poi avevo 3 macchioline sull'asta (abbastanza piccole e bianche,senza punta e non incavate)e una chiazza rossastra sul glande.
Il dermatologo mi ha diagnosticato una balanite da candida.
La cura che mi ha dato è stata:per 3 settimane diflucan 150 (una a settimana),il fisian per lavarmi e poi dell'acido borico da mettere due volte al giorno arrotolando delle garze alla base del glande per 10 minuti e poi la dovevo togliere.Il tutto per 12 giorni.
Alla fine della cura per altri 10 giorni mi ha dato dell'olio di mandorle per idratare la pelle.

Penso che la diagnosi sia giusta poichè una settimana prima la mia ragazza le è stata diagnosticata la candida tramite tampone vaginale.Il ginecologo però non mi ha dato nulla e così non mi sono curato,inizialmente,dopo una settimana mi sono comparse queste macchioline e così ho deciso di andare dal dermatologo.
Dimenticavo che prende la pillola e così avendo avuto rapporti scoperti ,non nel periodo di cura,sicuramente potevo essermela presa.
Il non darmi nulla forse è stata una leggerezza del dermatologo.

Ho fatto la cura per 12 giorni ed ho notato che le macchioline,la screpolatura e il rossore erano passati;però dove avevo la crosta è rimasta una macchia bianca.Così ho chiamato il dermatologo e mi ha detto di continuare la cura per altri 7 giorni.
I 7 giorni sono passati ma la macchia no.Può essere dovuto al fatto che la crosta si è tolta ed ora è rimasto il segno?Oppure ho ancora la balanite?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il problema della balanite candidosica è duplice:

1) E' possibile che una/un partner non curato/a possano reinfettare il partner anche dopo la cura (reinfezione PING-PONG)

2) la balanite o la balanopostite candidosica spesso può offuscare il quadro: sovente difatti l'infezione è batterico micotica, ma la candida è un eccellente "mantello" che copre l'eventuale restante patologia associata.

le consiglio quindi di rideterminarsi con il suo venereologo per il controllo clinico e gli eventuali esaami specifici.

cari saluti

[#2] dopo  
Utente 569XXX

Iscritto dal 2008
Oggi ho chiamato il mio dermatologo e gli ho esposto il problema.
Lui mi ha detto che non mi devo preoccupare per quella macchia perchè passerà da sola con il tempo.
Secondo voi è il caso che consulti un altro dermatologo?

Volevo chiedere un'altra cosa.La cura che mi ha dato per la balanite è giusta?

Che io sappia si mettono delle pomate,mentre io ho messo l'acido borico che se non sbaglio è solo un disinfettante.Non penso serva per combattere le micosi.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Genitle utente,

Non si può dire se una cura sia giusta senza sapere quale sia la diagnosi: "balanite" è un termine che racchiude un capitolo di patologie tutte dissimile fra loro; quella da candida come detto può sovente celare altre situazione da definire.

per il resto, non è da qui che possono partire valutazioni sulle terapie di colleghi, che, megli odi noi da tal sede possono valutare le cause e definire la teraia: si affidi quindi al suo dermatologo e ne segua i dettami.

cari saluti

[#4] dopo  
Utente 569XXX

Iscritto dal 2008
Ho una sensazione che mi sia ritornata.

Sono 4 giorni che ho dei fastidi tipo bruciore sulla punta del glande da dove esce l'urina ed è arrossato lì intorno;inoltre ho una specie di striscia che va da una parte all'altra del glande che anch'essa è arrossata.
Ovviamente ho chiamato il dermatologo per prenotare una visita.

Può essere che mi è ritornata la balanite?
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Si. Attendiamo l'esito della visita, però..

cari saluti

[#6] dopo  
Utente 569XXX

Iscritto dal 2008
Il dermatologo mi ha diagnosticato un'altra volta una balanite;però questa volta è in fase decrescente.In poche parole è quasi passata o comunque è una forma molto lieve.

Per 3 giorni mi ha dato l'acido borico da mettere intorno al glande per 3 volte al giorno.
Mentre per 7 giorni il pevisone latte dermatologico.

Probabilmente dice che questa è una ricaduta perchè la prima volta non è stata curata bene.

Volevo sapere questa storia delle fasi.In poche parole mi ha detto che al 90% non sono nemmeno infettivo perchè è una forma lieve.Ci sono delle forme più acute?e come e cosa colpiscono?da cosa dipendono queste varie forme?ecc.Vorrei avere dei chiarimenti a tal proposito.

Un'ultima domanda la vorrei fare sul fatto di avere rapporti o no durante la cura,si può o è consigliabile di no per non infettare la partner?
[#7] dopo  
Utente 569XXX

Iscritto dal 2008
Sto facendo la cura come previsto,solo che ogni tanto noto un certo bruciore come se provenisse dal canale dell'urina.
Non è nulla di insopportabile,però non penso sia normale.
Può essere che quando metto la pomata ne vada un po' li dentro e mi ha irritato un po' la zona e mi crea questa sensazione?