Utente 248XXX
Salve a tutti. Due mesi fa ho perso improvvisamente mio padre e vorrei almeno capire perchè.
Mio padre aveva 63 anni era alto 1,65 m e pesava 78 kg.
Godeva tutto sommato di buona salute, non fumava, non beveva e svolgeva una vita sana.
Aveva però dei piccoli problemi dovuti all'età, ve li elenco:
Ipertensione arteriosa di I grado (Terapia: mezza compressa al giorno di “Lobivon 5 mg” e una compressa al giorno di “Plaunazide 20 mg/ 12,5 mg” l'inverno, sostituita da “Plaunac 10 mg”.
Prostata Ingrossata (Terapia: una compressa al giorno di Tamsulosin 0,4 mg)
Sindrome da apnea notturna (Terapia: nessuna)
Valori del sangue sempre nella norma tranne il colesterolo che a volte era leggermente superiore ai valori limite.

Una sera di due mesi fa si è appisolato (russando) nel divano guardando la televisione (come tutte le sere). Ad un certo punto l'ho chiamato per svegliarlo, ma improvvisamente la sua testa si è reclinata all'indietro. Aveva gli occhi semichiusi e una leggerissima bava bianca alla bocca e sembrava che respirasse a fatica (come se russasse ma sembrava che inspirava solamente l'aria senza mai buttarla fuori). Il suo viso diventava sempre più scuro e la pancia gonfiava sempre di più. Il suo “respiro” è cominciato a diminuire e allora in attesa dei soccorsi ho cominciato a fargli la respirazione bocca a bocca. Quando sono arrivati i soccorsi (credo dopo 10 minuti) gli hanno sentito il polso e mi hanno detto che era morto e che non c'era più niente da fare.

So che ormai non serve a niente, ma vorrei sapere il motivo della sua morte e se avrei potuto fare qualcosa.

Grazie a tutti voi per essere cosi disponibili su questo sito.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La sua triste storia e' la storia che accomuna 70.000 italiani che muoiono ogni anno, circa 200 al giorno muoiono così (anche mio padre del resto). Come vede a paerte una iopertensione ben curta e modesti valori di ipercoleterolemia non vi sono particolari fattori di rischio.
Purtroppo non avrebbe potuto fare niente per rianimarlo, penso. Se ne faccia una ragione
cordialita'
cecchini
www.ccchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 248XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la sua tempestiva risposta. Lei crede che sia morto per un problema al cervello (ictus?) o al cuore?
Inoltre vorrei sapere se è possibile prevenire una morte del genere e se si che tipo di esami bisogna fare.

La ringrazio ancora.
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Periodici ECG, Ecocrdiogrammi ed holter sono una buona prevenzione . La morte ritmica, tuttavia, e' poco prevedibile, può accadere anche in cuori apparentemente sani
arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org