Utente 580XXX
buonasera,
il mio problema è l'eiaculaione precoce.
Non penso ce sia un problema psicologico perchè convivo e con la mia compagna facciamo sesso da diversi anni.
Ultimamente, leggendo su internet, mi è venuto il dubbio che il mio problema potesse dipendere dal fatto che il glande, quando il pene è in erezione, non si scopre da solo, anzi devo tirare giù il prepuzio con forza, ma non riesco a farlo scendere bene, e se ci riesco provo dolore come se mi strangolasse il glande e mi tira moltissimo il frenulo.
Secondo voi questo può essere la causa della mia eiaculazione precoce? Oppure ho solo il glande troppo sensibile?
grazie per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
non appare chiaro dalla sua descrizione cosa è per l'eiaculazione precoce nè a cosa si riferisce quando esclude problemi psicologici con la sua partner.
Le consiglio:
1) valutazione urologica per gli aspetti di verosimile fimosi
2) valutazione sessuologica per gli aspetti inerenti la sfera sessuologica.
Ovviamente non necessariamente con la priorità così indicata.
Cordialmente
[#2] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Lettore,
quanto lei descrive fa pensare alla presenza di una fimosi con frenulo breve.
C'è abbastanza accordo nel ritenere che la brevità del frenulo sia una fattore o un cofattore causale di ejaculazione precoce.
Sarebbe utile fare una visita andrologica per stabilire se detti fattori vanno corretti e cosa fare per l'ejaculazione precoce (le opzioni esistenti nella sua situazione sono: terapia medica, chirurgica, psicoterapia) che andranno personalizzati.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettor ,
se posso darle un altro consiglio e desidera avere più informazioni dettagliate su queste tematiche può consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org