Utente 249XXX
Salve dottori, ho 18 anni. Vi presento il mio disturbo che non mi fa vivere più bene. Spesso ho delle extrasistoli, credo si chiamino così...praticamente sento uno sbalzo del cuore che a volte sembra mi urti quasi in gola infatti ho pizzichi di tosse. Ormai il disturbo si presenta molte volte durante il giorno...ho notato almeno una volta mentre mangio, almeno una volta appena finisco di mangiare (ho l'abitudine di stendermi dopo pranzo) e varie volte durante il giorno. Ieri pomeriggio mentre ero in un centro commerciale l'ho avuta forse 10 volte nell'arco di un'ora e molto spesso a questi sbalzi di cuore sono accompagnati vertigini e stanchezza e dolore tra le costole e dopo un senso di addormentamento alla faccia e al collo dalla parte sinistra. In quest'ultimo mese ho fatto esami del sangue di routine più enzimi cardiaci, ecocuore, ECG ed ECG da sforzo e tutto è risultato nella norma. Ora questo mi causa anche molta preoccupazione. Ah dimenticavo che quando si verifica il disturbo ultimamente è accompagnato da una specie di brontolio. Il tutto dura frazioni di secondo ma si verifica piu volte. A volte anche non collegato ai balzi di cuore ho un dolore al braccio sinistro che viene da solo e improvviso. Ultimamente soffro anche di colon irritabile visto che appena finito di mangiare devo andare in bagno (cosa a cui non sono abituato) e sento molta aria nella pancia infatti ho spesso bisogno di emetterla. Non so se i sintomi possono essere collegati. E poi ultimamente sono sempre stanco. Vorrei sapere se per stare tranquillo da gravi patologie dovrei fare altri accertamenti come ad esempio la coronarografia o altri esami ancora. Grazie per il servizio che offrire.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Caro amico, gli esami che hai eseguito sono piu' che sufficienti per dire che il tuo cuore sta bene. Cerca di non entrare nel tunnel dell'ipocondria ( un po' ci sei già...) e magari fatti valutare da uno psicoterapeuta. stai sereno, Ugo