Utente 249XXX
Buongiorno,
Sono un ragazzo di 30 anni e scrivo qui nella speranza che qualche specialista mi possa aiutare a capire alcune cose.
Dopo un periodo brutto durato quasi un anno e caratterizzato da innumerevoli visite da gastroenterologo, cardiologo, otorinolaringoiatra,oculista ecc ecc. non mi e'stato riscontrata( fortunatamente) nessuna patologia, ad eccezione di un leggero reflusso. Ho svolto svariati esami per problemi di vertigini, tra cui ECG, ECG sotto sforzo, eco cardiogramma , RMN cerebrale con contrasto dalle quali non si evince nulla di anormale. Da un mese a questa parte, la sensazione di vertigine e'andata scemando, ma ho avvertito una forte stanchezza e malessere generale soprattutto alle gambe. Il mio gastroenterologo mi ha prescritto delle analisi dopo aver anche riscontrato un ingrossamento della milza a 13 cm.
Da queste analisi e'risultato non nella norma:
Ab anti EBV IgG ( EMA). > 120 positivo
Ab anti EBV IgM (EMA) assenti negativo
Neutrofili 36,8%. 40-75
Linfociti 52,7% 20-45

Da queste analisi il mio medico mi ha detto che ho avuto la mononucleosi e che una buona parte dei sintomi descritti può essere dovuta al virus EBV
Volevo chiedere a qualche specialista se ciò era possibile e se era possibile un eventuale cura anche perché vedrò il mio medico solo la prox settimana.
Ringrazio di cuore anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
il risultato dell'esame sierologico per EBV indica effettivamente un'infezione pregressa, ma non è possibile stabilire quando tale infezione sia avvenuta (teoricamente anche molto tempo fa). Tale dato, alla luce del Suo racconto, sembra essere del tutto insignificante e in ogni caso non merita considerazione in senso terapeutico poiché l'infezione è stata già controllata dal Suo sistema immunitario.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio tanto per la risposta.
Quindi e'da escludere uno strascico di mononucleosi?
Glielo chiedo perché in questi giorni sto accusando una stanchezza estrema con dolori alle gambe e alle braccia..
Il mio medico di base dice che e'possibile ma effettivamente la vedo un po' strana come cosa.
Grazie in anticipo
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Dubito, perché avverte stanchezza da "solo" un mese: se ciò avesse effettivamente relazione con un'infezione da EBV, anche le IgM sarebbero risultate positive.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2012
A dir la verità sono sei- sette mesi che accuso stanchezza e problemi vari. Pero' la stanchezza pesante la sto accusando da un mese. Mi scusi se la disturbo ancora, quindi anche in base a questo che le ho appena detto lei pensa che la mononucleosi non c'entri nulla?Grazie di cuore
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
A rigor di logica: se avesse contratto l'infezione sette mesi fa, stante l'attuale negativizzazione delle IgM, avrebbe dovuto avvertire il sintomo maggiormente in quel periodo con un successivo (e progressivo) miglioramento.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2012
Certo il ragionamento non fa una piega. Le chiedo allora se mi potrebbe consigliare in quale ambito indagare, in quanto il mio medico e'convinto che siano strascichi di Ebv a causa della scoperta di milza ingrossata, inversione della formula leucocitaria e presenza di Igg.
La ringrazio per la gentilezza
[#7] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Sei-sette mesi possono rappresentare un lasso di tempo sufficiente ad assistere alla comparsa alla successiva scomparsa delle IgM (ma un mese no). Quindi, volendo necessariamente dare un ruolo ad EBV, si potrebbe anche ipotizzare che l'infezione possa essere avvenuta in quel periodo (questo sarebbe compatibile anche con le dimensioni della milza, che potrebbero però essere anche considerate ancora nella norma per un uomo della Sua corporatura - a meno che esista un dato precedente per cui si può dire con certezza che si è verificato un incremento di volume dell'organo), ma sarebbe comunque "atipico" un peggioramento attuale della sintomatologia in assenza di IgM. Mi è più facile pensare che il recente aggravamento della "stanchezza" possa avere altre origini. Tenga conto che stiamo parlando di un sintomo, cioè di un parametro non misurabile oggettivamente, il quale peraltro può essere espressione di molteplici condizioni differenti.
È probabile che il Suo medico curante - al di là della divergenza su EBV, che per quanto mi riguarda rappresenta un dettaglio di relativa importanza - ritenga comunque la situazione complessivamente non meritevole di ulteriori accertamenti, ma "solo" di un follow-up (questo mi pare il dato più importante; e solo lui, che La conosce bene e L'ha seguita in questo percorso, può giudicarlo).
Senz'altro, come sempre, se questa condizione di disagio non dovesse progredire favorevolmente (e risolversi) e/o se dovesse arricchirsi di ulteriori elementi "patologici", sarà necessario rivalutare il quadro e predisporre gli accertamenti del caso.
Saluti,