Utente 223XXX
Gentili medici

A causa di un problema sconosciuto non ottengo la rigidità ottimale; tuttavia anche quando la raggiungo dopo aver assunto il Cialis, la lunghezza non supera i 12.5 cm dal pube alla punta del glande e la circonferenza circa 11, ma minore nell' estremità superiore dell' organo fino ad essere poco meno di 10 cm alla base del glande.
Inoltre (forse per rigidità non ottimale), queste misure sembrano diminuite molto leggermente rispetto a quando avevo circa 20 - 25 anni, nonostante adesso abbia preso le misure con molta attenzione con un metro da sarte e dopo aver assunto il Cialis da 20 mg.
Molte ragazze mi hanno detto che non è un pene grande e che molti uomini lo hanno più lungo e anche più massiccio.

Ho letto che alcuni medici consigliano un gel a base di DHT da applicare sul glande che dovrebbe favorire la crescita dei tessuti che in quest'organo rispondono agli ormoni androgeni ed il Diidrotestosterone sarebbe il più attivo.

Una volta che l' individuo ha raggiunto la maturità il pene sembra che non cresca più anche se si aumentano i livelli ormonali (un po come lo scheletro).
Vorrei sapere la ragione fisiologica di questo e se invece anche da adulti una terapia topica protratta e ad alte dosi con questo ormone possa favorire la crescita permanente dei tessuti di quest'organo determinando un aumento di lunghezza e circonferenza.
Inoltre avendo già testato sul glande il Testim Gel che però è testosterone, notai una lieve tumescenza alcune ore dopo l' utilizzo e quindi sembra che l' ormone agisca sulle strutture deputate al meccanismo erettile e quindi venga realmente assorbito dal pene.

Alcuni illustri andrologi propongono iniezioni di Androgeni e GH (ormone della crescita) sul pene per aumentarne le dimensioni anche a prezzi strabilianti e ho sentito dire addirittura di fattori di crescita di derivazione dermica o dalle piastrine ma non ho capito bene, ma sempre a prezzi impermissibili per me.

Vorrei una risposta seria e scientifica sull' efficacia o meno queste terapie e se sono solo dei medici truffatori e ciarlatani quelli che propongono dette terapie.

Purtroppo non ho intenzione di sottopormi ad un intervento di falloplastica anche perche soffrendo di DE, questa potrebbe magari peggiorare tale problema agendo sulle strutture deputate all' erezione (sempre trattasi di un intervento chirurgico dove inevitabili sono le conseguenze), ed inoltre credo che abbia costi di molte migliaia di euro e non sempre i risultati siano apprezzabili, soprattutto negli interventi di iniezione di tessuto adiposo prelevato altrove per aumentare la circonferenza (il tessuto adiposo viene riassorbito e sono quindi necessarie più infiltrazioni per raggiungere un risultato).
A proposito vorrei anche sapere solo se il trattamento incrementativo con iniezioni di grasso può rendere l' organo più morbido del normale in fase di massima erezione.


Grazie e Distinti Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,in breve,devo dirLe che non ritengo percorribile alcuna terapia,sia topica che iniettava che per via orale,al fine di giungere ad un incremento volumetrico del pene,lungitudinale e/o circonferenze.Quanto alle iniezioni di grasso nel pene,gli esiti possono essere disastrosi,sia dal punto di vista etstico che funzionale.Stento a credere che valenti andrologi possano averLe consigliato terapie fantasiose e rischiose.Le conviene allontanarsi dal web per non confondersi ulteriormente.Cordialità.
[#2] dopo  


dal 2012
Gentile Dottor Izzo

Quindi quei medici che propongono terapie topiche o iniettive di Testosterone, GH, fattori di crescita cellulari, ecc. a costi anche elevati sono dei solo chiappasoldi!
Le infiltrazioni di grasso hanno quindi delle problematiche........

Quanto alla erezione ho notato che sono sempre migliori la sera che al mattino (quelle provocate, cioè volontarie).
Sa dirmi perche la mattina l' erezione avviene più difficilmente e la rigidità è sempre minore? C'entra forse il tono del sistema nervoso?
La sera quando uno è più stanco dovrebbero essere più difficoltose ed invece sembra il contrario.
Può dirmi cosa c'entra?

GRAZIE
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non esitono regola che possano essere applicate a tutti.Si allontani dal web e consulti un esperto psicosessuologo.Cordialità.
[#4] dopo  


dal 2012
Posso anche allontanarmi dal web, ma non è normale che un uomo raggiunga una erezione appena sufficiente solo con un farmaco proerettile, una causa ci deve pur essere, fisica o psicologica che sia.
Cordialmente
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...nel post parlava di terapie...va da se che la diagnosi vada aggiornata.Cordialita'
[#6] dopo  


dal 2012
Si, ora sono entrato in un altro discorso, quello dell' impotenza, ha in effetti ragione, ho fatto un po di miscuglio...

Secondo Lei è possibile che a 33 anni sia subentrato (già tuttavia dall' età di 25 - 30, ma adesso in modo più pronunciato) un problema vascolare arterioso o venoso?
Non fumo, non bevo, non sono in sovrappeso ed il colesterolo è nella norma; quindi sembra strano un problema vascolare o non è escludibile?

Grazie