Utente 597XXX
Salve, sono un ragazzo di 17 anni e da circa qualche mese credo di soffrire di disfunzione erettile. Intendo dire che durante la masturbazione o un rapporto sessuale il mio pene non riesce ad arrivare al 100% dell'erezione, ma diciamo che raggiunge un buon 60-70%. Il problema, segnalatomi anche dalla mia ragazza, mi sta allarmando non poco, considerando che sono comunque ancora giovanissimo. Ed ora, anche durante la masturbazione, faccio molta fatica a raggiungere l'erezione. Il tutto è accompagnato da un preoccupante calo del desiderio (che alla mia età dovrebbe essere esplosivo!). La mia ragazza pensa che non la ami abbastanza, ma vorrei farle capire che invece è tutto il contrario, e temo che questo possa mettere a rischio la nostra relazione. Devo premettere che sin da 13 anni ho praticato assiduamente la masturbazione, raggiungendo il culmine attorno ai 15-16 anni in cui accadeva anche una volta al giorno per intere settimane e in cui ritardavo appositamente l'eiaculazione. Ho il serio timore che tutta questa masturbazione (guardando siti internet o televisione erotici) mi abbia assuefatto o inibito a tal punto che ora non ho più desiderio sessuale e la mia erezione sia piuttosto scarsa. Non credo che questa disfunzione sia causata da problemi psicologici di qualche tipo che ho avuto ma ritengo di aver in parte superato, credo però che una soluzione plausibile sia il riposo totale del pene per varie settimane, in modo da riottenere capacità erettile e desiderio. Sono veramente disperato, mi affido totalmente a voi!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente,
dalla sua descrizione è difficile discrimanare tra una causa psciologica od organica, è possibile che la forte attività di masturbazione degli anni passati posso aver instaurato un forma di infiammazione della prostata, cmq per fare una corretta diagnosi sarebbe opportuno una visita andrologica
cordiali saluti
dott.Giuseppe Quarto
[#2] dopo  
Utente 597XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille per la risposta, ho già fissato una visita andrologica per lunedì prossimo.
Comunque per essere più precisi: diciamo che faccio fatica a raggiungere l'erezione solamente all'inizio, nella fase dell'indossamento del preservativo, ma durante la penetrazione non ho cali di erezione (che tuttavia rimane sul 70% e non sul 100%); invece se ad esempio il pene "esce" dalla vagina o avviene qualcosa che mi distrare, ho subito un calo di erezione che però in poco tempo riesco a riottenere. Continuo a precisare che, anche se l'erezione rimane costante durante la penetrazione e non subisce cali, essa non raggiunge mai il massimo. Ora sto tenendo il tutto a riposo senza attività di alcun genere compresa la masturbazione. Se veramente è come dice lei, ovvero un'infiammazione alla prostata, come si può curare?
Grazie mille in anticipo
[#3] dopo  
Utente 597XXX

Iscritto dal 2008
vorrei aggiungere che, anche se molto molto raramente, dopo la masturbazione a volte sento un leggero dolore ai testicoli. Questo è avvenuto anche dopo il rapporto cn la mia ragazza qualche giorno fa. Ribadisco che non avviene quasi mai, mi sarà capitato 3-4 volte in vita mia. Però poteva essere anche questo un elemento utile.
Attendo risposte, ringrazio ancora in anticipo ;)
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
a questo punto, come già detto dal collega Quarto, è difficile senza una valutazione clinica diretta darle una risposta completa e corretta. Se desidera comunque avere più informazioni dettagliate su queste tematiche le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450. Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.andrologiamedica.org
[#5] dopo  
Utente 597XXX

Iscritto dal 2008
Purtroppo nè l'articolo da lei consigliatomi nè una ricerca approfondita su internet ha chiarito il mio dubbio, che forse non sono riuscito a focalizzare con precisione: esiste la possibilità che un'eccessiva e prolungata masturbazione abbia provocato una difficoltà d'erezione e abbassato il desiderio? Crede che un riposo totale di varie settimane possa far ricrescere il desiderio e ovviamente l'erezione? Ho sentito in giro che spesso capitano periodi più o meno lunghi in cui si hanno difficoltà da questo punto di vista. E sottolineo che fino a vari giorni fa avevo regolarmente erezioni e/o polluzioni notturne, in questi giorni però non ne ho ancora riscontrate...
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
chi le ha messo in testa queste visioni catastrofiche ed un pò sessuofobiche sulla masturbazione . Questa diviene un problema quando è l'unica ed esclusiva attività sessuale che una persona pratica. A questo punto, senza perdere altro tempo, consulti e si faccia aiutare da un esperto andrologo.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org





[#7] dopo  
Utente 597XXX

Iscritto dal 2008
eccomi con le analisi dei valori ormonali con tutti i valori di riferimento accanto, vi prego di controllare se è tutto nella norma ;)

LH basale: 1,34 / 0-25

FSH basale: 2.0 / 1.3-13.6

Estradiolo 17 beta estradiolo 42.3 / 10-30

Prolattina basale: 8 / 2-18

Testosterone basale: 435.0 / 250-850

Testosterone libero: 21.5 / 14-44

Beta HCG plasmatiche: 0 / 0

AFP-Alfa feto proteine: 1.5 / - -

Spero in una vostra risposta! A me sembra un po' alto l'Estradiolo...
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
è un dato che ,così isolato, non ha nessun significato clinico. Ricontrolli il tasso del 17 beta estradiolo e poi consulti un esperto andrologo.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org
[#9] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Caro ragazzo,
ma quante normalità ci sono nella tua mail!!

Credo onestamente che molti di noi, leggendo la tua lettera, abbiano rivissuto momenti belli o brutti del passato, calo dell'erezione compresa!

Anche io credo che il riposo totale ti possa far bene: sicuramente ti allevierà sensibilmente l'ansia, e in questo momento parrebbe la soluzione migliore

Per il resto la visita andrologica accurata ed approfondita è il primo passo da fare

Un consiglio: puoi anche evitare lo psicologo, per carità, ma se fossi in te rifletterei sulla tua tendenza a gerarchizzare il tuo mondo sessuale: il pene DEVE essere al 100%, la masturbazione NON DEVE essere troppo frequente, alla mia età la sessualità DEVE essere esplosiva, ecc.

Non sarà che hai visto troppi film? ;)
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
la sdrammatizzazione, in queste problematiche sessuali, è il primo passo per migliorare la situazione generale e le eventuali "prestazioni".
Ancora un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#11] dopo  
Utente 597XXX

Iscritto dal 2008
Grazie veramente di tutto, per ora sembra essere tutto risolto, anche cn l'aiuto dell'L-Arginina. Ma ovviamente, finito un problema, ne sorge un'altro :D. Adesso, siccome la mia ragazza ha cominciato a prendere la pillola, sto cominciando a non utilizzare il preservativo. Beh, che dire, le sensazioni sono molto migliori e amplificate, ma il fatto è che così vengo subito! Se con il preservativo riuscivo a controllarmi benissimo, anche troppo, tanto da durare anche + di un'ora, senza invece nn ci riesco proprio. Dopo 5-10 minuti sento l'impulso di eiaculare e, anche se rallento, poi vengo lo stesso. Prima d'ora non avevo mai fatto sesso senza preservativo, e adesso, con la sensibilità notevolmente aumentata, eiaculo molto molto prima. E' un problema di abituarsi a questa nuova situazione? Con un po' di abitudine/pratica riuscirò a durare come prima? Anche perchè il problema si è presentato appena abbiamo fatto sesso non protetto. Aiutatemi, grazie in anticipo ;)
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
anche in questa nuova "situazione sessuale" non bisogna mai drammatizzare. Bisogna crearsi un "costume", una "abitudine".Poi, come spesso ripeto, vista anche la sua giovane età, approfitti di questi "disturbi-malesseri" e non "sicurezze" , per conoscere finalmente , se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia. Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente ,alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com