Utente 144XXX
Salve,
è da tantissimi anni che ho il problema delle vene varicose alle gambe, ma non l'ho mai voluto affrontare seriamente.
I sintomi sono i soliti: dolore e pesantezza alle gambe, soprattutto quando sto molto in piedi.
Ricordo che qualche anno fa una gamba ha addirittura sanguinato.
Avevo prenotato un ecocolordoppler e dopo mesi di attesa all'ospedale, un imprevisto mi ha di fatto impedito di poter eseguire l'esame.
Sono sotto cura con antiaritmici e beta-bloccanti. Un tempo prendevo anche cardioaspirina che però mi è stata sospesa per via di falde fluide extracerebrali.
Quello che vorrei chiedere è quali potrebbero essere i rischi più gravi di queste vene varicose e se la cardioaspirina (che non prendo più) avrebbe potuto essere in qualche modo di aiuto.
Grazie per l'attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
le complicazioni cui possono andare incontro le varici degli arti inferiori sono per lo più rappresentate da flebiti superficiali, dermatiti, dermoipodermiti con ulcere cutanee, rottura con sanguinamento, Trombosi Venosa Profonda, Embolia Polmonare. Ciononostante tantissime persone convivono con le loro varici senza incontrare alcuna di queste complicazioni.
Gli antiaggreganti (cardioaspirina) non sono accreditati di un ruolo terapeutico o preventivo nell'ambito delle affezioni delle vene.

[#2] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
ma quindi potrebbero provocare nei casi più gravi anche lo morte?
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La condizione da Lei citata è puramente teorica e potrebbe riguardare casi in cui la malattia varicosa è entrata a far parte come CONCAUSA in quadri morbosi complessi e compromessi.
[#4] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
capisco.
mi è venuto il dubbio quando lei ha scritto che potrebbe provocare embolia polmonare. soffrendo io di broncopneumopatia cronica ostruttiva mi chiedevo se potessero esserci in futuro dei collegamenti che potrebbero portare a complicazioni.