Utente 260XXX
Salve,

è da tempo che ci penso ma solo ora in realtà mi sto domandando cosa siano.

In parole brevi sull'aste del pene (non sul grande) mi ritrovo molti pallini sotto cutanei di colore bianco.

Ho fatto qualche ricerca su google ed ho trovato il mio problema chiamato "Fordyce's spot".

Vi posto un'immagine dimostrativa trovata in rete che rispecchia la mia situazione:

http://pearlypenilepapules.com/images/bumps-on-penis.jpg

Premetto che non mi hanno dato mai problemi, ma a livello visivo non mi piacciono per niente.

Cosa sono con esattezza?
Si possono togliere?
Se si, in che modo?

La ringrazio in anticipo per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

il suo problema, se di problema si tratta, prende il nome dal dermatologo John Fordyce.

Queste macchie o granuli sono molto comuni negli uomini e in misura minore anche nelle donne, cominciano a comparire in età puberale e persistono per tutta la vita, anche se con l'avanzare dell'età tendono a diminuire.

La loro causa è dovuta ad un aumento dell'attività e delle dimensioni delle ghiandole sebacee, deputate a lubrificare e a mantenere la pelle dei genitali morbida e non secca.

Molti uomini quando vedono questi "pallini" si preoccupano non solo dell'aspetto "estetico" del loro pene ma anche temono di avere una malattia e di spaventare il partner che può arrivare a pensare di essere con una persona malata.

Le ghiandole sebacee di Fordyce, tuttavia, non sono manifestazioni di infezioni e sono da considerarsi in molti casi come "fisiologiche" e del tutto normali.

Comunque esistono alcuni trattamenti dermatologici che possono cercare di ridurre il sebo prodotto in modo "esuberante" all'interno della ghiandola di Fordyce.

Qui però mi fermo e la rimando ad una valutazione clinica diretta, in primis, con il suo medico di fiducia e poi eventualmente con lo specialista che lui le indicherà.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la esaustiva risposta.

Cordiali Saluti