Utente 427XXX
la circonferenza del mio menbro è solo di 10,5 - 11 cm, e non riesco ad appagare la mia fidanzata. ciò è molto agosciante per me. cosa posso fare? l'uso degli estensori funziona? è possibile incrementare (magari senza i rischi di un'operazione chirurgica) il diametro del pene??

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro letore 4271,

purtroppo non esitono metodi convalidati che possano garantire l'aumento dimensionale del pene senza rischi funzionali e di "disastri" chirurgici
Si faccia vedere da uno specialista "serio"
vicino a lei ne troverà su www.andrositalia.org
cari saluti
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
la chirurgia estetica e di rimodellamento del pene si è molto evoluta negli ultimi 5 anni. I risultati sono variabili, come sempre in chirurgia, a seconda della abilità ed esperienza dell'Operatore che il paziente si sceglie. Trattandosi di una chirurgia plastico-estetica per definizione, non devono esistere problemi post-operatori di alterata funzionalità dell'organo. In altri termini, libido ed erezione sono e devono essere del tutto preservati. Anzi, direi che migliorando il disagio psicologico che un problema come il Suo comporta nella quasi totalità dei casi, la vita di relazione e quella sessuale migliorano senza alcun dubbio.
Le consiglio quindi di affidarsi senza alcuna remora alla professionalità di un chirurgo plastico specializzato in questo particolare aspetto del problema. Nella Sua città o nelle vicinanze esistono senz'altro Centri Pubblici utili allo scopo. Non mi sento di consigliarLe i soliti "viaggi della speranza", affrontando spese e disagi assolutamente evitabili.
Auguri per la risoluzione del Suo problema e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO