Utente 232XXX
Salve, ho 46 anni e da circa 2 anni ho problemi ad ottenere un'erezione completa, e anche quando ci riesco non è persistente.
Diciamo che normalmente in fase di eccitazione raggiungo più o meno l' 80% dell'erezione piena, ma basta un niente per ridurla ancora di più.
L'erezione completa non è esclusa, ma è rara e non autosufficiente.
Sono sessualmente eccitabile, ma le sensazioni sono più generalizzate in tutto il corpo, mentre è diminuita la mia genitalità.
C'è anche una lieve riduzione dei testicoli. Tale ipogonadismo mi sembra una conseguenza di uno strano fenomeno di ipergonadismo avvenuto 3 anni fa, con aumento anomalo sia dei testicoli che dell'eiaculato. Passato l'episodio e "sgonfiata" la faccenda, è come se i testicoli si fossero ritirati a vita privata (li ho sempre avuti retrattili, ma adesso lo sono di più). Forse questo collegamento è solo una mia congettura (chiedo a voi un parere).
Aggiungo al quadro clinico la presenza di eiaculato frequentemente giallo molto scuro e denso, come sperma molto vecchio, anche se invece non lo è.
Inoltre, da anni, alla palpazione avverto un lieve dolorino nella parte inferiore del testicolo sinistro - nessuna ciste, solo un punto dolente, probabile conseguenza di un piccolo trauma subito da ragazzo.
Termino dicendo che da 4 anni assumo regolarmente un antidepressivo dopaminergico (uno dei pochi - così mi è stato detto - che non penalizzano l'attività sessuale) e benzodiazepine, ma a dosi minime, e quindi non dovrebbero influire più di tanto.

Per riassumere: 46 anni, da 4 anni assunzione di blandi psicofarmaci.
Da 2-3 anni erezione solitamente incompleta e non duratura.
Da circa 1 anno sperma solitamente molto scuro e denso.
Da anni, presenza di un punto dolente al testicolo sinistro.
Ipogonadismo (soprattutto al sx).
Testicoli retrattili.

Ringrazio in anticipo gli specialisti che risponderanno al mio quesito.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gentile lettore, il deficit erettile è la conseguenza di un errato stile di vita (fumo,sedentarietá, obesità, ecc) o di patologie croniche come il diabete , ipertensione , dislipemie ecc ecc. Al fine di inquadrare correttamente il suo problema le consiglio di eseguire una visita andrologica ,infatti solo dopo gli esami e l'esame obbiettivo si potrà porre una diagnosi e provvedere alla terapia . Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Aggiungo nuovi risvolti:
Ho fatto gli esami del sangue e tutto è nella norma. Il testosterone è un po' sotto la media, ma avendo 46 anni...
Comunque a una visita medica generica mi è stata diagnosticata epididimite. Il medico mi ha prescritto un antiinfiammatorio.
Mi è stato detto che la colorazione scura dello sperma potrebbe essere anche indice di qualche affezione della prostata.
Sommando col quadro precedente: epididimite, probabile affezione della prostata, ipogonadismo, sperma scuro e disfunzioni erettili.
Vorrei un appuntamento con un urologo-andrologo in Firenze, ma la stragrande maggioranza degli specialisti o sono andrologi o sono urologi.
Se qualcuno può darmi qualche consiglio al riguardo...