Utente 262XXX
Ciao sono un ragazzo di 18 anni volevo dirle che è da 1 settimana che soffro di un dolore lombare a destra della schiena, che pero non sembra un dolore muscolare.. ho provato con gli antidolorifici ma niente,, il dolore non passa ,premetto che soffro di scoliosi da molto tempo che pero non mi ha provocato grossi fastidi,, ho anche effettuato un ecografia renale con esito negativo.. Volevo gentilmente chiederle cosa può essere? solo un dolore alla schiena o qualcosa di più grave?( ho sentito parlare di appendicite :S anche se non penso in quanto non avverto dolore all' addome nemmeno dopo la palpazione) Grazie in anticipo per eventuali risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Un'infiammazione appendicolare normalmente si presenta con un vivo dolore in fossa iliaca destra, cioe' nella parte bassa dell'addome, in corrispondenza della linea che unisce la cicatrice ombelicale con la cresta iliaca (l'osso sporgente del bacino). In qualche caso il dolore si irradia anche posteriormente, proprio nella zona che riferisce lei, ma e' difficile che scompaia nella sede di elezione che le ho indicato prima. Credo quindi che il dolore da lei descritto non sia facilmente riferibile ad un'appendicite; che tra l'altro darebbe anche altri segni (febbre, malessere generalizzato, alvo tendente alla chiusura...) e alterazioni dell'emocromo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille soprattutto per la celerità della risposta...Quindi il dolore dovrebbe essere di di natura muscolare? Anche se ormai è passata 1 settimana?
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
l fatto che sia trascorsa una settimana porta ancora di piu' a pensare che non si tratti di un'appendicite acuta ma di un dolore di pertinenza ortopedica. Con i limiti, ovviamente, di una valutazione che non dispone degli elementi che possono invece derivare da una visita diretta.
Cordiali saluti