Utente 635XXX
4 luglio 2005
Sabato sera mi sono accorto di avere il testicolo sinistro gonfio e ho dolore a toccarlo. La mattina del giovedì avevo avuto problemi nella minzione (senza emissione di sangue) che avevo risolto bevendo molta acqua e prendendo dell'ibuprofene. Il giovedì sera la minzione era regolare ma rilevavo febbre a 38,5 che la mattina era completamente scomparsa. Il venerdì sera minzione regolare nessun dolore ne' a reni ne' ai testicoli ma ancora febbre a 38, non avendo antipiretici a casa utilizzo del nimesulide che mi fa scomparire completamente la febbre.
Dal sabato sera noto il testicolo gonfio, non riuscendo a contattare la guardia medica, avendo dolore e pensando a un'infezione prendo ogni 12 ore il nimesulide e lo associo a un antibiotico "generico" che avevo in casa il bacacil. Ad ora la situazione non è cambiata di molto. Ho meno dolore ma il gonfiore rimane, ho notato negli slip residui di sperma di colore bruno, come se in esso fosse presente del sangue. Per darle il quadro completo le dico che a causa di un piccolo ingrossamento epatico dovuto a postumi di un'epatite prendo il LEGALON 140.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Monica Calcagni
28% attività
4% attualità
12% socialità
ARCE (FR)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
Prenota una visita specialistica
CARO SIGNORE,
COSA ASPETTA A FARSI VISITARE DA UN UROLOGO? POTREBBE TRATTARSI DI UNA EPIDIDIMITE COME DI QUALCOSA DI PIU' SERIO. FISSI SUBITO UN APPUNTAMENTO CON UNO SPECIALISTA.
CORDIALI SALUTI
[#2] dopo  


dal 2005
la ringrazio,
malgrado la situazione ad oggi si sia stabilizzata quasi del tutto (le dimensioni sono tornate quasi normali e non ho più dolore ne' febbre) so che su queste cose non si scherza e non ci si dorme sopra soprattutto se capita, come a me, di non aver mai avuto nessuna avvisaglia ne' problema di sorta all'apparato urogenitale. Per questo ho provveduto già ieri mattina a prendere un appuntamento con un urologo e ho già fissato un esame ecografico (che quasi sicuramente servirà) e un appuntamento con un andrologo.
Inutile dirle che se avessi dovuto utilizzare le strutture pubbliche avrei dovuto aspettare almeno 30 giorni...
In ogni caso se fra oggi e giovedì sera vedo che la situazione peggiora non esiterò a recarmi al prontosoccorso.
la ringrazio comunque per il suo cortese interessamento e per avermi fatto capire la possibile gravità del mio "malanno".
[#3] dopo  


dal 2005
visita e ecografie hanno dato come diagnosi idrocele,
il trattamento con Cyproxin e Reparil lo sta facendo regredire rapidamente.