Utente 162XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 19 anni ed ho un dubbio che è diventato ormai un pensiero ossessivo che mi impedisce di avere una sana vita sessuale, spero voi possiate cortesemente e definitivamente aiutarmi a placare questo mio dubbio martoriante.
Nel periodo dell adolescenza(12-13) anni applicai sul mio pene questo medicinale: Iodosan Gocce Med Antisettico(era SCADUTO) per disinfettare una lieve escoriazione che ebbi, l'intero procedimento bruciò molto e mi spellai l'organo. In seguito ho appreso che il farmaco era a base di iodio, che ho scoperto essere connesso alla ghiandola tiroidea ed agli ormoni. Inotre ho letto che la tintura di iodio ha la capacità di denaturare le proteine e leggendo questa pagina di wikipedia ( http://it.wikipedia.org/wiki/Denaturazione_del_DNA ) DENATURAZIONE DEL DNA mi sembra che molto plausibilmente lo iodio possa aver agito sul mio dna, arrestando la crescita del pene.. Avendo ora 19 anni e possedendo un pene di una lunghezza molto modesta (12-13cm) sono TERRORIZZATO dall idea di aver in qualche modo compromesso il naturale sviluppo del mio membro.

Insomma, è possibile che l'applicazione di un farmaco a base di iodio(scaduto tral'altro) abbia potuto in qualche modo alterare il mio naturale sviluppo sessuale?

Mi scuso per la mia ignoranza abissale sull argomento.

GRAZIE TANTISSIME anticipatamente per il vostro tempo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

dal suo racconto escluderei la possibilità prospettata e aggiungerei che una visita specialistica sarebbe in grado di chiarirle molti aspetti legati ai suoi dubbi.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la velocità nel rispondere dottore, purtroppo non posso permettermi una visita specialistica, almeno per il momento, però vorrei capire se allora è possibile che lo iodio agisca in qualche modo sul dna.

Cordiali saluti e grazie mille.
[#3] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la velocità nel rispondere dottore, purtroppo non posso permettermi una visita specialistica, almeno per il momento, però vorrei capire se allora è possibile che lo iodio agisca in qualche modo sul dna.

Cordiali saluti e grazie mille.
[#4] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Mi sembrava di averle già risposto in marzo e avevo notato la sua soddisfazione e i suoi rigraziamenti, tuttavia il "tarlo" continua e le nostre spiegazioni non sono più sufficienti e quindi, ne deriva il consiglio di consultarsi in diretta con lo specialista.

Ancora cordialità
[#5] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Ha ragione dottore, il tarlo si è rimanifestato alla scoperta che il farmaco era scaduto, ho pensato che potesse essere un fattore importante, per questo ho rifatto la domanda, mi perdoni l'insistenza; questo tipo di paranoie sono difficili da debellare, quindi No: non è possibile questa relazione tra iodio e alterazione del dna. La ringrazio nuovamente, spero per l'ultima volta!

Cordialità
[#6] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Stia tranquillo che lo iodio nel suo caso non c'entra nulla.

Cordiali saluti