Utente 230XXX
Gentili dottori,
ringrazio in anticipo per il consulto.
Sono un ragazzo di 22 anni. Vi sono alcuni periodi durante l'anno in cui, ormai da 2 anni con frequenza totalmente casuale e a dipendere da fattori del tutto diversi l'uno dall'altro, il testicolo DX si gonfia e si indolenzisce al tatto. Il sintomo non mi ha mai preoccupato siccome il testicolo si gonfia per un tempo di durata massima di 2 giorni (per intenderci si gonfia di giorno e durante la notte si sgonfia e il giorno seguente resta solo un po' indolenzito ma lo ritrovo nelle sue dimensioni normali). Sarò più specifico e chiaro. Scriverò una serie di informazioni che possono aiutare a capire il problema: gioco a calcetto con gli amici 1/2 volte a settimana e mi alleno a pallanuoto 2 volte a settimana (più partita la domenica), a causa del calcio ho dei quadricipiti grossi (ciò mi fa pensare a microtraumi ogni volta che gioco, anche se ho risolto il problema mettendo degli slip aderenti: nel senso che prima avevo dolore forte al tatto e diarrea ogni volta che giocavo e ci mettevo un certo agonismo) ed a causa di pallanuoto il testicolo risale spesso il canale inguinale (mi è stato diagnosticato il testicolo in ascensore a giugno). A volte noto che si gonfia talmente tanto da sembrare idrocele, nel senso che sembra proprio che lo scroto sia riempito di liquido (che nella notte defluisce). Proprio nella visita di giugno presso l'urologo non mi è stato diagnosticato alcun problema oltre il testicolo in ascensore ed un non necessario fissaggio testicolare dx. Ho fatto una eco testicolare come prescritto dal dottore con esito Varicocele: Assente, Idrocele: Assente, Ernia: Assente (ero in condizioni di testicolo "normale" quando è stata fatta l'eco scrotale".
In conclusione credevamo centrasse con il fatto del testicolo in ascensore che si presentava ogni volta che mi allenavo a pallanuoto. Siccome il testicolo si indolenzisce anche quando metto pantaloni stretti, durante l'inverno quando lo scroto si restringe per il freddo e tende a rientrare in sede inguinale, non pensando che c'entri più con ciò ho deciso di rivolgermi nuovamente all'urologo che questa volta mi ha prescritto Ecodoppler scrotale e esame delle urine. ho la visita in data 10 settembre. Nel frattempo avete idea di cosa possa essere?
cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

dalla sua descrizione sembrerebbe che il testicolo in questione risalga verso il canale inguinale e risenta di un indolenzimento, tutte le volte che sono presenti certi tipi di sforzo o trazione (come avvine quando fa pallanuoto) e questo farebbe pensare ad una sofferenza testicolare da microtrauma. Sarebbe necessario procedere con una ecografia testicolare per assicurarsi dell'integrità testicolare oltre a valutare i volumi ed eventualmente procedere a scopo preventivo ad una visione della loro funzionalità attraverso un esame del liquido seminale.

cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 230XXX

Iscritto dal 2011
Ringraziandola per la celerità della risposta,
comunico che oggi ho fatto la visita dallo specialista in andrologia il quale mi ha prescritto una ecografia inguinale per accertarsi della presenza di un canale troppo aperto a livello inguinale e quindi "idrocele comunicante". La eseguirò subito domani in mattinata e assieme ad essa farò un esame delle urine e lunedì una ecocolordoppler testicolare. Al 17 settembre invece lo spermiogramma.
Comunicherò l'esito dell'eco domani in serata anche se non capisco sempre, anche se in presenza di idrocele, quale sia il motivo dell'infiammazione.

Cordialmente