Utente 617XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 23 anni avente un problema di malocclusione di 3° classe. Da un paio di anni ho iniziato ad avere problemi dovuti all'inversione soprattutto sui denti incisivi i quali inferiormente stanno andando incontro ad un ritiro del colletto gengivale mentre superiormente l'1.1 si è scheggiato. Riscontro anche un problema di scoliosi che non saprei se direttamente correlata alla malocclusione.
Volevo sapere se secondo voi è il caso di ricorrere all'intervento chirurgico (unica soluzione riscontrata da parte del mio dentista) e se potrei andare incontro a problemi più gravi se evitassi l'intervento.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Capozza
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Per effettuare una diagnosi ortodontica e quindi per valutare quali trattamenti sono possibili, vantaggi e svantaggi, si devono effettuare almeno le Rx ortopanoramica e Telecranio latero-laterale per la cefalometria (studio delle basi ossee)ed i modelli in gesso delle arcate (per analizzare lo spazio disponibile e quello necessario per l'allineamento dei denti).
La malocclusione di terza classe predispone a traumi (come ha già sperimentato) e provoca un cattivo movimento della mandibola.
La possibile correlazione tra postura e malocclusione deve essere valutata dal dentista e dal posturologo contemporaneamente.
L'intervento chirurgico può essere consigliato dopo avere effettuato tutti gli esami descritti e per forme particolarmente accentuate.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Probabilmente è associato anche "serramento" dentale (una forma di bruxismo). A Pisa nel Dipartimento di Fisiologia si sta studiando anche il mediatore farmacologico alla base del bruxismo e si costruiscono bite particolari (in massima apertura) per cui è possibile che un soggetto in terza classe possa non aver dolori. E' strano che un Dipartimento di Fisiologia si occupi di queste cose, però si stanno approfondendo le correlazioni trigemino-posturali.
Saluti
Daniele Tonlorenzi