Utente 251XXX
Buongiorno, premesso che la mia famiglia vive in un condominio con riscaldamento centralizzato e senza particolari isolamenti termici, che il mio bambino è un soggetto asmatico ( allergico agli acari), che abbiamo applicato il protocollo profilassi ambientale (zero tappeti, coperture antiacaro e tolti umidificatori) , io e mio marito ci chiediamo se il fatto che la camera del bambino sia sempre molto calda (media 25 gradi) abbia favorito l'acutizzazione del problema di allergia del bambino. Cioè mi spiego meglio : l'incidenza delle crisi asmatiche del mio bambino (quasi sempre di origine batterica o virale...che poi degenerano in asma) potrebbe diminuire a pari condizioni ma in un ambiente più fresco?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
149046

Cancellato nel 2014
la temperatura ideale per la crescita degli acari della polvere è di 20-25 gradi associata ad elevata umidità. Temperature inferiori sicuramente riducono (ma non azzerano) la crescita dell'acaro. Se suo figlio è allergico solo agli acari della polvere potrebbe giovarsi della terapia desensibilizzante specifica (il cosiddetto vaccino) ch, almeno in una parte dei pazienti, può risolvere i disturbi o almeno evitarne la progressione. Le consiglio di parlarne con il suo Allergologo.