Utente 262XXX
Buonasera dott. le spiego la mia situazione,il 29 giugno di quest’anno ho iniziato ad avere un bruciore in gola, decimi di febbre, e una tosse mucosa verde, di giorno in giorno questa tosse è diventata persistente. Mi sono rivolta al mio medico di famiglia il quale mi ha prescritto degli aerosol e degli antibiotici ma dopo una settimana di cura non sono guarita(sono scomparsi solo i decimi di febbre). Sono andata da un otorino e mi ha riscontrato una faringite allergica, sono stata per 10 giorni a prendere il bentelan e degli spray ma mi sentivo peggiorata solo che i muchi sono diventati bianchi. Si sono unite anche delle apnee notturne, mi svegliavo di notte sentendomi soffocare e riuscivo a respirare solo col naso, il tutto passava dopo qualche secondo. Avevo e ho un senso continuo di raschiare la gola. Ho fatto una radiografia alle spalle ma non è uscito niente. Mi sono rivolta ad un altro otorino e mediante un esame alle fibre ottiche mi ha riscontrato una faringite da ipotetico reflusso. Ho fatto una cura per 3 settimane con pantorc 40mg mattina e sera e gaviscon e ho iniziato ad avere dei miglioramenti(una settimana che non ho avuto nessun sintomo) fin quando per una settimana intera sono stata male con la pancia e ad ogni cosa che ingerivo mi veniva la diarrea(pure 5-6 volte in un giorno)con dolore sopra l’ombelico. Il medico della guardia medica mi fece sospendere il pantorc. Dopo una settimana dalla sospensione della cura i sintomi sono ricomparsi e peggiorati. Mi sono rivolta ad un gastroenterologo ho fatto una gastroscopia con la seguente diagnosi:
esofago di calibro normale, peristalsi presente. Cardias in sede, apparentemente poco continente; linea z sfrangiata, con alcune minuscole erosioni non confluenti sul suo contorno. Stomaco con pareti distendibili, lago mucoso chiaro, angulus regolare; non si osservano ulcerazioni, il test all’ureasi è negativo. Piloro pervio. Bulbo a seconda porzione del duodeno di aspetto normale. Diagnosi: esofagite grado A
ho preso per un mese lansopranzolo 30mg mattina e sera per un mese e gli unici sintomi scomparsi sono state le apnee e la tosse persistente. Continuo ad avere muco in gola tutto il giorno( bianco al 99% delle volte ma qualche volta anche verde) devo raschiare sempre la gola, bruciori e fastidi in gola, eruttazioni continue. Il gastroenterologo mi ha consigliato di riprendere il pantorc per 20 giorni e poi magari rivalutare e semmai rivolgermi ad un allergologo. Vivo ormai da 4 mesi in maniera poco tranquilla, con acqua sempre in borsa per bere nel momento del bisogno. Non so piu a quale specialista rivolgermi. Mi potrebbe dire se c’è qualche accertamento o visita ulteriore da fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

la presenza di un'esofagite erosiva ed il miglioramento dei sintomi con la terapia antisecretiva fa pensare di essere di fronte a dei disturbi extraesofagei del reflusso (tosse). In tal caso la terapia con IPP deve essere "sostanziosa" ossia una dose doppia del farmaco per almeno 2 settimane. Ovviamente bisogna escludere altre cause, ma in attesa di altri accertamenti (allergie) la terapia per il reflusso dovrebbe essere portata avanti.

Cordialmente