Utente 141XXX
Buonasera,

lo scorso Novembre il mio compagno, che ha 31 anni, è stato sottoposto a microtese perchè gli è stata diagnosticata una grave forma di azoospermia. Da quando ha subito l'intervento, fa più fatica a raggiungere il massimo livello di erezione, che invece prima raggiungeva senza alcun problema, nonostante abbia un testicolo molto piccolo.
Ha già effettuato diverse visite di controllo e tiene anche sotto controllo il testosterone, che subito dopo l'intervento si era notevolmente abbassato ed ora si sta ristabilendo.
E' normale che dopo un anno abbia ancora qualche disfunzione erettile?
Sono un pò preoccupata perchè è molto giovane, e non vorrei che questo intervento gli abbia procurato dei danni.

Attendo cordiale riscontro.

Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,lla microtese,analogamente a tutte le altre modalità di prelievo di spermatozoi dai testicoli/epididimi,non può dar luogo ad una disfunzione erettile.La sessualità,in una coppia alla ricerca di un figlio,è spesso,penalizzata ed andrebbe meglio tutelata.Non credo che i livelli ridotti di testosterone siano conseguenti alla TESE,piuttosto,ho la sensazione che l'ipogonadismo debba essere
affrontato terapeuticamente anche in relazione agli aspetti sessuoligici.Ne ha parlato con l'andrologo di riferimento?Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Cara lettrice,

spesso può capitare che il maschio coinvolto in un problema di fertilità della quale la sua azoospermia è determinate possa sviluppare una problematica di disagio, disturbo erettile che viene ad incidere sulla frequenza e qualità dei rapporti sessuali.
Molta dolcezza da parte sua, ricerca dei rapporti senza sensi di costrizione, per un certo tempo non ricercare la penetrazione come indispensabile sfruttando altre forme di piacere sessuale---
Se il problema persiste parlarne con l'andrologo che potrà mettere in atto i tests diagnostici del caso
Cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
ci può comunicare quali sono gli attuali valori di testosterone totale di suo marito?