Utente 277XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 21 anni peso 73 kg e pratico sport non agonistico (corsa) 2-3 volte a settimana. Premesso che mi è stato diagnosticato un varicocele di 2 grado al testicolo sinistro e di 1 grado al testicolo destro, da qualche tempo mi succede di avvertire un dolore nella zona perianale. Un paio di mesi fà ci sono stati alcuni episodi ,nell'arco di un mese, in cui avvertivo delle fitte abbastanza forti nella zona dell'ano , irregolari e duravano alcuni minuti ...quindi mi sono recato da un andrologo per una visita con esplorazione digitale del retto ma il medico mi disse che era tutto apposto. a distanza di mesi si sono ripresentati dolori sia al retto : avverto dei dolori all'interno del retto e nella parte interna delle natiche , ma sempre casi isolati; sia al pene : ho avvertito varie volte dei dolori alla base del pene e poi alcuni giorni fa dopo un rapporto. e anche 1 mese fa in seguito a masturbazione , avvertivo la sensazione di dover urinare e defecare ma andavo in bagno e in realtà non avevo niente da ''fare''...e la sensazione, abbinata al dolore, non mi faceva dormire...mi è capitato di stare con una ragazza e di avere continue erezioni senza mai venire, e il giorno dopo sempre con lei stava per succedere lo stesso ma avvertivo dei dolori nella zona inguinale ed estesi all'addome, tant'è che dovetti venire e mi sentii meglio ... inoltre mi capita spesso di avere problemi di erezione : il glande non è praticamente mai completamente turgido, e le erezioni sono quasi sempre incomplete quando sono disteso, inoltre devo ben lubrificare la zona del glande per non avvertire dolori, e credo di avere anche una se pur lieve ma fastidiosa parafimosi, in quanto a pene eretto si presenta un leggero strozzamento del glande ed il prepuzio non scende del tutto, lasciando un accumulo di pelle al di sotto del glande...ne parlerò con l'andrologo che mi sta visitando per il varicocele e che mi ha già visitato per l'eventuale prostatite ,quando andrò a portargli i risultati di spermiogramma e spermiocultura...ma volevo avere un vostro consulto anche per sapere se vi è un modo diciamo più univoco che l'esplorazione digitale del retto ai fini di diagnosticare un'eventuale prostatite e da cosa potrebbero dipendere questi sintomi...grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

la sua sintomatologia necessita una visita proctologica che escluda patologie proctologiche e una visita andrologica per una valutazione funzionale legata alla fimosi non serrata e ai problemi di disfunzione erettile.
Sarà lo specialista a valutare quali esami sono più opportuni per arrivare ad una diagnosi, ne parli eventualmente anche al suo medico e se servisse ci faccia sapere.

cordiali saluti