Utente 280XXX
Salve sono passati 5 mesi dalla nascita del mio bambino ma subito dopo il parto ho riscontrato un'abbozzo sotto lo sterno,in effetti due mesi fa con un'eco ho costatato che si tratta di processo xifoideo che prima della gravidanza assolutamente non sentivo al tatto.Ora il mio problema è che ho sempre fastidio in quella zona e nei retti addominali,vorrei un parere,mi sono fatta molte domande dal fatto che potesse essere un'ernia al fatto che potrei avere una diastasi!Avete avuto mai casi di questo tipo?Mi sono anche chiesta se la pressione che giornalmente dondolando mio figlio faccio sull'addome possa indebolire i muscoli e causarmi piccoli problemi...insomma tutte teorie da una che di medicina ne capisce ben poco!Aspetto un vostro parere/consiglio.Vi ringrazio Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il processo xifoideo e' una parte anatomica dello sterno che abbiamo tutti, non c'e' da stupirsi che lo abbia anche lei. Altra cosa invece sarebbe una diastasi dei retti addominali, una sorta di predisposizione ad una patologia erniaria. Per sincerarsene c'e' da sottoporsi ad una visita specialistica chirurgica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 280XXX

Iscritto dal 2012
Salve dottor Stefano Spina la ringrazio per la risposta anche se poco esaudiente,conosco bene l'anatomia del corpo umano anche se non sono un dottore ho studiato la materia in questione.
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Scusi, che intende per "poco esaudiente"?
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 280XXX

Iscritto dal 2012
Esaudire->soddisfare. Discorso esaudente, discorso soddisfacente.
Mi è scappata la "i".Cmq la ringrazio.
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Sono io che le chiedo scusa allora: conosco ovviamente il verbo "esaudire" ma in tutta onesta' non sapevo che esistesse anche la parola "esaudente"; anzi credevo (erroneamente) che lei intendesse dire "esauriente"->"che tratta compiutamente un argomento", e in tal senso ritenevo di essere stato chiaro indicandole la strada giusta da seguire per verificare l'esistenza di una possibile diastasi dei retti. Mi scuso ancora.
Cordiali saluti