Utente 159XXX
salve
sono un ragazzo di 27 anni, vi scrivo in merito alla ricomparsa del dolore del epididimo sinistro, dopo una cura antibiotica di 2 settimane con il doxycycline 100mg, antibiotico prescritto in inghilterra, paese nel quale risiedo da un anno, ho fatto tutte le analisi per le MST sono risultato positivo alla clamydia, loro hanno detto che quest'ultima è stata la causa dell' infezione, finito il ciclo di antibiotici stamane, 5 ore dopo il dolore è ricomparso più forte di prima, al punto di non riuscire a camminare, l' apice è stato dopo aver defecato, e urinato, l'epididimo si è gonfiato il dolore saliva pulsante, ho assunto una bustina di OKI e mi sn messo a letto, dopo circa un ora il dolore si è alleviato, e anche il gonfiore diminuito, quasi alla normalità, come mai il ripresentarsi di questo dolore acuto?? domani andro di nuovo dal dottore, ma non credo siano molto esperti in materia, dato che mi è stata fatta nessuna eco, come invece in italia, infatti mi venne un altra volta, circa due anni fà epididimite con prostatite, anche li ricordo che dopo il ciclo di antibiotici alcune volte ricompariva il dolore, datemi una mano per favore, non è facile in un paese straniero chiedere chiarimenti, grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in questi casi è importante, con la tempistica corretta, fare le normali valutazioni colturali del caso ed anche un controllo ecografico.

Ora risenta il suo urologo od andrologo di riferimento.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

penso che i medici inglesi siano in grado di affrontare e curare le malattie andrologiche in maniera idonea.
Una infezione-infiammazione epididimaria potrebbe associarsi ad una infezione-infiammazione prostatica e richiedere accertamenti e terapie specifiche.
ne parli, se possibile, con il medico che consulterà
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatta la valutazione andrologica comunque, se lo ritiene utile, ci riaggiorni.

Ancora un cordiale saluto.