Utente 954XXX
buonasera,
Avrei bisogno di un consiglio circa un problema di deficit erettivo che mi affligge da tempo.
Ho 34 anni,da alcuni anni (sono stato fidanzato 9 anni, e i problemi sono iniziati poco tempo dopo l'inizio della relazione)ho difficoltà a raggiungere un'erezione completa, sia durante l'autoerotismo che i rapporti sessuali, la vita sessuale con la mia ragazza era decisamente deludente, ma purtroppo al cuor non si comanda.
Ora che la storia è finita, mi trovo al momento a frequentare una persona che mi piace molto ma....l'erezione latita! O meglio è altalenante, ma mai veramente completa.
E' mia intenzione fare gli accertamenti del caso, però al momento vivo all'estero, e tornando a vivere in Italia il mese prossimo ho pensato di rimandare ad allora.
Non volendo rinunciare alla persona che frequento, ed essendo al momento in Italia, secondo voi potrebbe avere senso parlare col mio medico curante per assumere medicinali (cialis&similari) per tamponare la situazione fino al mio ritorno in Italia?(sperando anche nell'effetto placebo magari...)
Ringraziando per la cortese attenzione, colgo l'occasione per porgere i migliori auguri per il nuovo anno.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,vedo che il disagio sessuale,gia' segnalatoci anni fa,permane ma non fa alcun cenno circa esami diagnostici o terapie eseguite nel corso degli anni.Il medico di famiglia,in uno con lo specialista,puo' chiarire il quadro clinico e consigliare la terapia idonea.Diffidi da iniziative personali.Va da se che,in un prossimo futuro,anche l'aspetto ansiogeno vada tutelato e chiarito da uno psicosessuologo.Cordialita'.