Utente 284XXX
salve sono un uomo di 30 e da due anni a questa parte sono soggetto a extrasistole .Premetto che sono una persona atletica, mi alleno circa 5 volte a settimana in palestra , cammino per circa 10-15 Km a settimana ad un'andatura di 6 Km/h , di tanto in tanto faccio una partita di calcio , faccio arti marziali 3 volte a settimana ,assumo 30g di proteine del siero del latte dopo ogni allenamento in palestra, non prendo caffè (tranne che nel latte al mattino), non fumo , non bevo alcool , non faccio uso di sostanze dopanti ne di stupefacenti , bevo tè verde regolarmente.eseguo le analisi del sangue una volta l'anno e sono sempre nella norma , faccio ogni anno ecocardiogramma e elettrocardiogramma da sforzo ed è sempre risultato tutto regolare , mi è stato solo riscontrato un leggero rigurgido alla valvola tricuspide.fatto la premessa , il tipo di fastidio che riscontro non mi capita mai a riposo , infatti mi è capitato 3-4 volte in palestra (dopo aver sollevato un peso e durante una sessione di arti marziali) , una volta mentre portavo a passeggio i cani (dopo aver dato un forte strattone ai cani), una volta mentre giocavo a calcio ( ma dopo un contrasto non durante la corsa).durante questi allenamenti e normale che stia in una fase tachicardica ed è proprio in questo istante che mi sovviene prima qualche extrasistole e poi avverto come una sensazione strana come se le extrasistole si susseguissero , quindi mi fermo e controllo il battito risulta regolare ma sempre con quella sensazione , faccio qualche respiro profondo e la sensazione scompare dopo circa 20-30 sec quindi riavverto il ritmo normale , sempre tachicardico ma senza quella sensazione.dopo essermi calmato riprendo l'allenamento normalmente senza la comparsa di nessuna extrasistole.Questa tipologia di sensazione l'ho accusata circa 6-8 volte in questi ultimi 2 anni.un'ultima cosa mangiavo , fino a poco tempo fa , 2 banane al giorno , ed avevo episodi di extrasistole(isolate) durante il giorno , ne ho parlato con il medico di base , il quale mi ha consigliato di non mangiarle in quanto contengono potassio e alterano l'equilibrio degli elettroliti ,ho seguito il suo consiglio e in effetti le extrasistole si sono ridotte quasi del tutto ma la tipologia di sensazione che ho sopraelencato no , infatti ,pur non assumendo banane da 15 gg, stamattina mi è sopraggiunta la stessa sensazione mentre portavo i cani a passeggio.grazie per la vostra attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Le banane non c'entrano nulla. E' possibile che si tratti di piccoli episodi di tachicardia atriale automatica, un'aritmia benigna che può associarsi al problema della tricuspide. Se vuole può eseguire un holter ECG, ma tenga presente che se durante la registrazione non si verificano i disturbi descritti, il valore diagnostico dell'Holter è nullo.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
questo tipo di aritmia , comporta problemi più seri nel tempo?se l'holter non dovesse rilevare nulla, è possibile intervenire in altro modo?posso comunque svolgere regolarmente attività fisica? grazie e distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non comporta nulla di importante fino a quando resta con le caratteristiche attuali (e questo è molto probabile che si verifichi). Per l'Holter converrebbe in caso di negatività ripeterlo (ma se dovesse risultare negativo allora probabilmente il problema è ancora meno importante). Si può continuare l'attività fisica.
Saluti