Utente 277XXX
Buona sera.
Ringrazio anticipatamente tutti per la cortese attenzione.
Avrei bisogno di un consulto circa i postumi di un intervento a una fistola pilonidale situata sul fondo schiena.
Il 6 settembre il mio fidanzato ha subito l'intervento e a distanza di quasi sei mesi, ancora deve guarire dle tutto, mi spiego: l'intervento è andato bene, trattandosi, come mi è stato detto, di normale routine. Nelle due settimane successive, i punti sono saltati, quindi ha avuto la zaffatura,o zaffo. La ferita, possiamo dire è chiusa ormai, era molto grande, avevano scavato molto, toccando quasi l'osso sacro,sicchè non era una sola fistola ma ben tre. Tornando al punto, il mio "problema " è che vivendo insieme e soli in un'altrà città per motivi di studio, sono io a fargli le medicazioni, con acqua ossigenata e betadine. Voelvo chiedere,c'è un medoto, un prodotto, che riesca a far chiudere quanto prima ? E' come se fosse lesionata , ovvero la carne è cresciuta ma intorno è sempre rossa ed esce molto sangue quando effetua il bisogno intestinale. Chiedo scusa se magari non sono stata chiara.
Buona serata a tutti e grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
le cause di una mancata definitiva stabilizzazione della ferità possono essere molteplici (infezione, sensibilizzazione dei tessuti, ecc.):
Tenga presente che i prodotti applicati possono alla lunga risultare eccessivamente aggressivi per i tessuti ed essi stessi istiolesivi.
Pur continuando ad eseguire in proprio le medicazioni, potrebbe essere opportuno ottenere una valutazione e più specifici consigli presso un ambulatorio chirurgico, cui potrebbe comunque afferire tramite SSN.