Utente 279XXX
Salve a tutti,sono mesi che soffro di extrasistoli ventricolari benigne confermate dall'holter,ho fatto tutti gli accertamenti necessari,tra cui anche esami del sangue per la tiroide e rx per vedere la presenza o meno di ernia iatale che fortunatamente non ho,però ho notato che l'extrasistoli aumentano sempre dopo i pasti nonostante non abbia nessun problema,soprattutto alla sera,sono una persona che mangia sano,verdure,insalate,carni magre,quando invece rimango a digiuno ne ho veramente poche,volevo capire da un vostro parere come è possibile,vi ringrazio buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La tiroide ammesso che fosse disfunzionante non può essere causa di extrasistoli ventricolari. I disturbi gastroentereci, ammesso che vi fossero (compreso l'ernia iatale) possono agire come fattori facilitanti, ma non sono l'unica causa di extrasistolia, tanto più se ventricolare (e il fatto che lei le abbia ugualmente lo dimostra. Purtroppo in ambito medico non specialistco (aritmologia) esistono tanti luoghi comuni che sono difficili da rimuovere. Il fatto che lei le abbia più dopo pranzo può essere dovuto all'attivazione del sistema nervoso autonomico (indipendente dalla volontà) che fisiologicamente interviene. Quello che invece và fatto per la stratificazione del rischio e la definizione della benignità delle extrasistoli è un ECG 12 derivazioni duante l'aritmia per stabilirne il sito di origine, un Holter ECG per stabilirne il numero nelle 24 h e un Ecocardiogramma per la verifica della struttura e della funzione del suo cuore. Se non li ha già fatti le consiglio di farlo.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
si ho fatto tutti gli accertamenti necessari e questi sono i risultati:

ecocardiogramma:camere cardiache non dilatate,conservati gli spessori parietali e la cinetica del vn sin,lam ridondante,inspessito senza sicuri segni di pv e con minimo rigurgito valvolare.

holter 24h:

frequenza massima:99
frequenza minima:47
numero aritmie ventricolari:2166
aritmie ventricolari:clas Lown modificata
2.1 ev>=30/ora(media)

conclusioni:ritmo sinusale con frequenza compresa fra 47 e 99/min.
Frequente extrasistole ventricolare isolata monomorfa e non precoce,spesso interpolata.

Diciamo che conduco una vita sana,ho smesso di fumare da circa 4 mesi,mangio sano,pratico molto sport,ma sono un soggetto ansioso che si innervosisce facilmente e tutti i cardiologi mi hanno detto di stare più calmo.
Comunque volevo sapere le cause di queste aritmie ventricolari e aggiungo che sto assumendo come betabloccante il cardicor 10mg al giorno,sono diminuite ma ancora sono presenti in numero elevato,grazie per la vostra disponibilità cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Da quanto mi dice sembrerebbero delle extasistoli benigne e neanche numericamente così importanti (visto che 2 o 3 mila rappresentano circa il 3% di tutti i battiti registrati in 24 h)... la terapia betabloccante viene data "ex adiuvantibus" ossia nel tentativo di ottenere una risposta, ma a volte (anzi spesso) non solo non dà buoni risultati,ma può anche peggiorare l'extrasistolia...
Io le consiglio di tranquillizzarsi e di non pensare di dover a tutti i costi trattare farmacologicamente il problema...
Cordiali saluti