Utente 453XXX
Gent.mi Dottori,
da circa 10 anni sono mi è stato diagnosticato il diabete "non I.D." che ho curato per diversi anni con "Avandamet". A seguito del fatto che tale farmaco è stato ritirato dal commercio, ho per mia "negligenza" sottovalutato il problema, ritenendo di poter tenere tutto sotto controllo solo con la dieta. Da circa dieci giorni ho passato due notti insonni, svegliandomi ogni due ore per il bisogno impellente di urinare (circostanza che ho, inizialmente, addebitato alla prostata). La seconda notte, dopo l'ennesimo risveglio, mi decido a controllare la glicemia che risulta essere 430 ! Preoccupato l'indomani mi reco da un diabetologo, il quale mi prescrive la somministrazione di insulina : Apidra (6 -8 - 8) e Lantus (20). Inoltre mi dice di fare presto l'esame di emoglobina glicata che poi risulterà essere con il valore di 10,2 .
Attualmente faccio Apidra tre volte al giorno ( 7 -10-10) e solostar (26). Purtroppo, la glicemia (che, ovviamente, monitorizzo costantemente) presenta ancora valori, anche a digiuno di 200-290. Cosa debbo fare? Sono preoccupato.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

è chiaro che la terapia necessita di un ulteriore adattamento.

Deve necessariamente risentire il Suo Diabetologo in diretta.


Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 453XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per la sua gentile risposta.
Volevo però chiederle se esiste relazione tra questo improvviso rialzo dei valori glicemici e i dolori articolari (soffro di artrite psoriasica) che si sono riacutizzati in questo periodo?
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Di nulla!

Statisticamente, è dimostrato che l'attuale periodo è favorevole al riacutizzarsi della patologia.


Cordialmente.