Utente 202XXX
mio papà 57enne ha avuto a distanza di qualche anno due attacchi ischemici (infarti) entrambi curati con agioplastica e stent. gli anno detto di non andare al di sopra di una certa quota. prende già 7 pillole al giorno.
la mia domanda ora è: dovremmo affrontare un viaggio in quel Tirano (so) Bernina (monte) e san Moriz (sui). nessuno dei partecipanti (incluso mio padre) scia; si va solo per escursione a marzo.
vorrei sapere: ci sono rischi cardiaci visto che si va al di spra della quota consigliatagli? grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se la ultima prova da sforzo fosse risultata negativa e suo padre andasse a quelle altitudini enza fare particolari sforzi non vedrei grandi motivi di preoccupazione.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
grazie mille.
gent.mo dettore, che io ricordi l'ultima prova da spfrzo (con cicloergonometro) l'ha fatta quecxhe settiana prima del secondo attacco (all'icirca 2010-2011) e poi non ne ha più fatte.
comunque non credo che se davvero si faccia quella gita ci siano grandi sforzi. infine, secondo lei quai sarebbeor i "grandi sforzi" cui lei allude?

grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
un paziente impeganto come suo padre dovrebbe fare una prova da sforzo all'anno.
Tenga conto che al di sopra dei 2000 metri ogni sforzo che a livello del mare costa 10 inizia a costare piu' di 20, perche' l'ossigeno cala con l'aumento della latitudine.
Arrivederci
cecchini
[#4] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
grazie mille

arrivederla

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
ovviamente volevo dire altitudine e non "latitudine"
Mi scusi