Utente 229XXX
Salve, ho questa malformazione genetica ai pollici per cui appaiono sulla parte finale più larghi e corti. Volevo sapere se esiste qualche soluzione per ovviare al problema, visto che peraltro suono il pianoforte e non sempre mi è facile eseguire alcuni passaggi o comunque sono un impedimento, e infine quali sarebbero i costi di un'operazione del genere se possibile ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

la correzione chirurgica della brachidattilia va presa in considerazione solo se il problema è accentuato: nel suo caso mi sembra piuttosto limitato.

Nel caso di accorciamento a livello metacarpale, può essere effettuata un'ostetomia (sezione dell'osso) e poi un lento e graduale allungamento dell'osso mediante applicazione di un mini-fissatore esterno.

Buona notte.
[#2] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta, volevo sapere i tempi per ripristinare il controllo totale del dito dopo un operazione del genere e se è un intervento che viene effettuato anche in presidi pubblici o esclusivamente in cliniche private. Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Può essere effettuato anche in strutture pubbliche: i tempi non sono brevi, non meno di 2-3 mesi, talvolta di più.

Non credo, però, che sia il suo caso, a meno che non ci sia un accorciamento a livello metacarpale.

Se l'accorciamento è solo a livello della falange ungueale, non ci sono le condizioni per farlo.
[#4] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Quindi se il problema è nell'ultima falange, con uno sviluppo in larghezza e non in lunghezza, non c'è possibilità di intervento ?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Probabilmente nel suo caso si tratta più di un problema a carico dei tessuti molli che non dello scheletro, ma andrebbe vista la situazione nel dettaglio.
[#6] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per le lucidazioni e per la cordialità.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.
[#8] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Un'ultima domanda se non chiedo troppo, toccandomi il dito sento più che nella parte terminale ai bordi laterali ci sia ossatura, nel senso che anche l'osso sembra avere la forma schiacciata e allargata del dito, può cambiare qualcosa ? Ho fatto una ricerca e sembra essere simile al pollice dell'attrice Megan Fox. E' una situazione per cui secondo lei si può fare qualcosa ?
Grazie ancora.
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Va fatta in ogni caso una radiografia, per studiare lo scheletro del pollice, ma anche una valutazione specialistica per valutare se è possibile e in che misura una plastica per rimodellare i tessuti molli della falange ungueale (ma la decisione va soppesata con molta attenzione, proprio in quanto lei suona uno strumento musicale).