Utente 249XXX
Salve egregi dottori, per prima cosa vorrei complimentarmi per il sito e per le risposte che date ai bisognosi.

Ho 32 anni, altezza: 180cm, peso: 90kg, fisico atletico, fumo sporadicamente, bevo alcolici ancora piu sporadicamente, faccio attività sportiva con regolarità. Eppure, nonostante questo, da pochi anni a questa parte noto che le erezioni non sono piu quelle di una volta.
Le erezioni notturne/mattutine sono assenti oppure non vigorose.
Il flusso spermatico mi sembra diminuito rispetto a prima (anche se, misurandolo con una siringa, rientra nei fatidici 2ml).
Il desiderio sessuale è altalenante ma generalmente inferiore a prima.
I testicoli mi sembra che si siano lievemente rimpiccioliti.
con la masturbazione ho erezioni a volte vigorose, a volte discrete (ma comunque sufficienti per una eventuale penetrazione)
tutto questo quadro inizia nel 2008, a seguito di una separazione dolorosa da una ragazza. capisco il periodo di stress e di reazione ad una separazione, ma a me sembra strano che perduri per ben 5 anni!!!

il medico di base mi prescrive le analisi del caso:
testosterone e prolattina sono perfettamente normali, così come lo sono i valori della tiroide.
decido poi di sottopormi, comunque, a visita andrologica:
il dottore dice che i testicoli hanno un volume normale, seppur il sinistro piu piccolo del destro a causa di un lieve varicocele. esclude problemi vascolari al pene. la prima iniezione di caverject non ha avuto risultati. con la seconda ho avuto una erezione mediocre (direi intorno al 50-60% della potenza totale ma durata oltre un'ora, tanto che iniziava a farmi male).
Mi prescrive testogel che però non migliora la situazione.
Mi prescrive viagra 100 che, aggiunge, è nel mio caso piu un ausilio psicologico che non fisiologico (premetto che lui voleva prescrivermi il viagra 50, sono stato io ad insistere per avere il viagra 100).
sul fatto del desiderio altalenante, mi congeda dicendo che la sessualità cambia con l'età, e che essere arrapati 24 ore su 24 non significa avere necessariamente rapporti sessuali piu numerosi e piu belli.

ora vi espongo la mia personale teoria in merito a tutto questo: sinceramente ritengo che il mio ridotto desiderio sessuale sia secondario a delle difficoltà erettive insorte dal 2008. Nel senso che le prime difficoltà hanno generato un senso di paura e sfiducia tale da farmi "evitare" le occasioni di contatto sessuale così da evitare una eventuale "fuguraccia". in sostanza ritengo che il mio problema sia perlopiu vascolare (grazie alla prova con il caverject il dottore esclude deficit vascolari, ma ricordo che il suddetto farmaco non mi diede una erezione al 100% )

Ora, per concludere l'ammorbamento a cui vi ho sottoposto, vorrei chiedervi:
sono consigliabili altri esami endocrinologici o vascolari??? (tipo ecocolordoppler o similari)

grazie in anticipo per la vostra cortese ed utile risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

si legga questi link, risenta il suo andrologo ed insieme dovete poi decidere che indagini nuove fare:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

per fare una diagnosi di DE da causa organica servono esami come i dosaggi ormonali (Testosterone Totale , PRL, Estradiolo, LH) ed un ecodoppler dinamico penieno per una valutazione vascolare infatti la semplice iniezione di caverjet non è indicativa se non accompagnata da un ecodoppler, si riconfronti con uno specialista e se poi servisse ci faccia sapoere.

Cordiali saluti