Utente 666XXX
Salve, in questo periodo mi capita di fare petting prolungato e non eiaculare. Questo mi provoca dei forti dolori ai testicoli al basso ventre e interno coscia. mi rendo conto che questo atteggiamento non è molto naturale e quindi ho dei dubbi sul fatto che possa provocare dei danni all'apparato urogenitale. Se potete chiarire le mie idee vi sarei molto grato.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'eccitazione sessuale maschile prevede,come fase finale, l'eiaculazione che,in genere,é sincrona all'orgasmo.E' auspicabile che in un prossimo futuro l'eccitazione esiti nell'eiaculazione liberatoria,in quanto la congestione delle ghiandole seminali (prostata e vescicole seminali) può portare ad infiammazioni dell'apparato uro-genitale.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 666XXX

Iscritto dal 2008
Ora c'è più chiarezza nella mia testa. I miei dubbi erano non infondati, in più ho dimenticato di dirle che un anno e mezzo fa sono stato operato di varicocele a sinistra con legatura.E quindi avevo anche dubbi sul fatto che potesse portare una recidiva. Comunque in ogni caso cercherò di evitare in futuro questo comportamento poco salutare. La ringrazio vivamente per la rapida e chiara risposta.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...penso sia il caso di controllare il felice esito della varicocelectomia,non dimenticandosi che il protocollo richiede periodici controlli del liquido seminale.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 666XXX

Iscritto dal 2008
Si ho effettuato gia due volte i controlli. L'ultima volta circa due mesi e sia gli esiti dell'ecocolordoppler che dello spermiogramma e della spermiocultura sono tutti negativi. Infatti il medico per ora mi ha detto di non fare più controlli a breve termine e se non avevo problemi di tornare tra un paio di anni. Non so se lei per periodici intende intervalli di tempo cosi lunghi. Ma questi sono gli indirizzi che mi sono stati dati. Spero corrispondano ai protocolli.
La ringrazio ancora per la risposta.