Utente 474XXX
La mia bambina di 7 anni,e affetta da PJRT dalla nascita.
A breve fara un'intervento di crioablazione della via accessoria,
sapete le percentuali di successo?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Sono molto alte e in mani esperte con un basso rischio di complicanze. In bocca al lupo.
[#2] dopo  
Utente 474XXX

Iscritto dal 2007
Grazie,
ma le complicanze scendono con l'aumentare dell'età?
Grazie mille.......
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Le complicanze non legate all'esperienza dell'operatore dipendono per lo più dalla sede del meccanismo responsabile della tachicardia. La PJRT è per definizione una tachicardia "incessante" e come tale può creare nel tempo dei problemi al cuore per effetto delle alte frequenze pressocchè continue. Se la tachicardia è dovuta ad alterazioni che si localizzano in vicinanza di strutture delicate, come può essere il nodo AV o il fascio di His, un'ablazione in un cuore che non ha ancora completato il suo sviluppo è giustificata solo se sono presenti anche alterazioni secondarie della sua funzione e struttura (ad esempio una cardiopatia dilatativa con riduzione della contrattilità). Differentemente è bene eseguirla non prima dei 18 anni, quando il cuore avrà completato il suo sviluppo e le lesioni che l'ablazione determina non saranno più di tipo "evolutivo" (a meno che la sede della tachicardia non sia "tranquilla" e quindi non comporta rischi di complicanze).
Saluti cordiali
[#4] dopo  
Utente 474XXX

Iscritto dal 2007
La bambina prende la terapia da quando è nata,ad oggi funziona bene e gli attacchi di terapia sono sporadici e pressochè nulli(holter).
A Giugno (in ospedale)verrà fatta una sospensione di terapia per verificare se la tachicardia c'è sempre,verrà fatto un SATE,e di conseguenza valuteremo se c'è ancora PJRT fare o non fare l'ablazione.Tutto questo in accordo con il medico.
Noi abbiamo"fretta"perchè pensiamo ai farmaci che questa bambina assume da quando è nata,quindi pensando che l'ablazione sia risolutiva speriamo in questo.
Grazie per la sua consulenza