Utente 303XXX
Buongiorno,
vi espongo brevemente il mio problema.
A luglio dell'anno scorso, a seguito di un episodio convulsivo, sono stato sottoposto ad intervento di asportazione di un meningioma cranico. Per circa 13-14 giorni ho portato il catetere vescicale per poter urinare. Dopo tale periodo, tolto il catetere, ho notato problemi nella minzione: il getto usciva a "spruzzo", lo stimolo era frequente (anche la notte), fuoriscivano ancora gocce di urina anche dopo il termine della minzione, avevo la sensazione di una leggera pesantezza /gonfiore al di sotto dei testicoli e di un non completo svuotamento della vescica con sensazione di voler di nuovo urinare, leggera sensazione di irritazione nel canale uretrale che permaneva anche dopo la minzione.
Tornato a casa ho continuato a manifestare tali problemi anche se il getto urinario si è stabilizzato soprattutto quando la vescica è piena. Continuo tuttora ad assumere antiepilittici (keppra 500 mg) e fino a poco tempo fa ho pensato che questi problemi fossero causati dal farmaco. Di recente, dopo il verificarsi di episodi di fuoriscita di liquido "apparentemente" spermatico durante la defecazione (e solo in tali occasioni) mi sono chiesto se potesse trattarsi di una prostatite.
Nel caso vorrei sapere che tipo di esami del sangue effettuare per avere indizi sulla presenza di una eventuale infiammazione prostatica prima di recarmi dall'andrologo/urologo (visita già prenotata per fine maggio) in modo tale che lo specialista possa già avere elementi sufficienti per effettuare una diagnosi e prescrivere così la relativa terapia, abbreviando così la tempistica per la risoluzione del problema.
Ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti.
Andrea

P.S. : Esito esame urinocoltura del 2/05/13: sviluppo di flora batterica mista in carica non significativa.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
dopo tale permanenza di antibiotico una prostatite è frequente. La diagnosi si fa immediatamente con palpazione della prostata. Per scrupolo faccia esame urine, che anche se negativo poco significa. Poi vada da collega.