Utente 303XXX
Buonasera, volevo sapere se devo sottopormi ad un nuovo intervento di STC o posso
migliorare con la fisioterapia.Sono una donna di cinquantanni ed ho auto un intervento di tunnel carpale (precedentemente all' intervento avevo dolore e formicolio solo la notte e di giorno solo qualche scarica elettrica al polso avevo un uso perfetto della mano che ora non ho piu') il 9 gennaio subito dopo l'intervento al termine dell'effetto della anestesia ho incominciato a sentire un forte dolore che si irradiava dalla mano verso tutto il braccio e molto gonfiore alla mano che pensavo fosse normale e ho preso Tachipirina da 1000. Dopo 8 giorni di fortissimo dolore e il gonfiore si accentuava sempre di più sono, andata a controllo dove mi hanno diagnosticato un edema dovuto alla fasciatura gessata troppo stretta ho curato con Venoruton per 20 giorni 2 cp al di,ma i sintomi persistevano non riuscivo a piegare le dita avevo forti fitte che si estendevano dalla cicatrice al pollice dolori all'indice e al medio quando li spingevo in avanti non potevo neanche sfiorare il palmo della mano per i forti dolori dopo un mese e mezzo dall'intervento ,il dottore che mi aveva operata mi ha detto che avevo cicatrizzato male e ci potevano essere delle aderenze allora ho dovuto fare un 'altra elettromiografia e anche una ecografia
dove risulta che il nervo mediano è migliorato infatti il formicolio è sparito nell'ecografia risulta esiti cicatriziali di intervento chirurgico per tunnel carpale con aspetto lievemente sisomogeneo dei tendini flessori in rapporto col cordone cicatriziale (utile esame RM che consente una valutazione tridimensionale dei tendini ) aspetto lievemente edematoso del nervo mediano.Cisti sinoviale da 10 mm in regione volare lato radiale.Nella norma i tendini estensori:l'ortopedico dopo visionata l'ecografia mi ha prescritto fisioterapia (laser terapia e ultrasuoni 10 sedute che ancora non ho fatto) ,più i massaggi con Sameplast che gia' facevo, Ho voluto un altro parere con un altro ortopedico che ha valutato il taglio troppo centrale alla mano con parestesia ed algie apicali ipertrofia e dolore in sede di intervento. Flogosi in sede cicatriziale mi ha prescritto 20 giorni di Betasil cerotto 17 gg di Medrol e 30gg di Nevridol.La mano e lievemente migliorata ,ma col passare del tempo ho delle fitte sempre più forti nella cicatrice con l'uso della mano dolore alle dita e dal palmo verso l'avambraccio non posso prendere pesi sbucciare una mela,stirare s,scrivere senza avere dolore e neanche poggiare o sfiorare il palmo della mane perche' il dolore e fortissimo sono passato ora 4 mesi cosa mi consigliate. ringrazio anticipatamente distinti saluti .

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

a parte l'edema e il forte dolore nell'immediato post-operatorio (non posso interpretarlo a distanza spazio-temporale), sembra di capire che lei abbia un interessamento (lesione ? cicatrice ?) del ramo nervoso sensitivo palmare del mediano.

Lo sfioramento o la pressione sulla cicatrice chirurgica provocano in questi casi senso doloroso di "corrente elettrica" e a volte ridotta o assente sensibilità della cute palmare a valle.

[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
buonasera dottore volevo precisare che la mano ha la sensibilita è che non posso aprirla totalmente ,oltre il dolore ho pressione sulla cicatrice che tira non ho scariche nella cicatrice ma solo sulle dita e in certe occasioni e quando la mano é fredda , sulla cicatrice è come se venissi punta con qualcosa ma il dolore è molto forte ,sul taglio si notano dei rigonfiamenti come chicchi di riso ,so che senza la visione della mano non si può avere un referto giusto ma le sarei grata se potesse darmi un suo parere su come comportarmi la ringrazio ancora
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Deve essere vista da uno specialista, che visitandola potrà capire se c'è o meno un problema del ramo palmare o se invece c'è un problema al nervo mediano (o entrambi).

Solo una visita diretta può darle questa risposta.
[#4] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
grazie dottore è stato molto gentile buonanotte
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Lo stesso a lei.