Utente 303XXX
Salve,
Sono un F di 27 anni. Settimana scorsa mi sono sottoposta a una Rm bacino senza e con MCD.
Oggi ho avuto la risposta. Premetto che mi sono sottoposta a Rm consigliato dal medico poiché sentivo con i polpastrelli in zona alto gluteo una "cisti". Dopo qualche mese ha iniziato a essere dolente.
L esame Rm e stato eseguito mediante sequenze se, fse, stir con immagini secondo piani assiali, in condizioni di base e durante infusione e.v. Di MCD, anche applicando tecnica di saturazione del segnale del tessuto adiposo. Nel contesto del tessuto adiposo sottocutaneo del quadrante supero.interno del gluteo di sinistra, in corrispondenza della sede della tumefazione palpabile (regione sacrale parà mediana sinistra) si apprezza sfumata alterazione Dell intensità del segnale, a margini irregolari (diametri assiali di circa 28*17mm ) composta da una componente centrale, isointensa al tessuto adiposo in tutte le sequenze di studio, anche in quelle t1.fatsat, ed una periferica che appare isointensa nelle sequenze t1.dipendenti e tenuemente iper intensa nelle stir ed in quelle t1 fatsat. L alterazione, che dopo MCD presenta lieve impregnazione nelle fasi tardive dello studio, e'riferibile in prima ipotesi a lesioni di tipo benigno.
Chiederei gentilmente chiarezza sul referto e un consiglio per eventuale asportazione chirurgica. Ripeto che la "massa" e' palpabile ma non superficiale ed è' dolorante soprattutto dopo sforzo fisico e attività' fisica ( es. Saltelli, corsa, piegamenti)
Ringrazio anticipatamente x un eventuale risposta alla mia richiesta di consulto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Anche se si tratta di una lesione a carattere benigno è possibile che essa, premendo sui muscoli e sui tessuti circostanti, causi dolori e fastidi. Toglierla chirurgicamente presenta diversi vantaggi, primo fra tutti quello di poterne verificare la benignità tramite esame istologico, e ovviamente di eliminare la causa dei fastidi stessi. Si tratta però sempre di un intervento chirurgico, per cui l'opportunità di sottoporla o meno a questa procedura va sempre attentamente valutata da uno specialista che possa visitarla.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio. Ma cosa dovrà valutare lo specialista per prendere una decisione? Il medico che mi segue, ma che ancora non ha visto il referto della Rm perché la risp. Mi è arrivata oggi, mi aveva fatto una ecografia ma da cui non riusciva a vedere bene la massa perché probabilmente a detta sua era sotto il tessuto muscolare e quindi profonda.dalla eco riscontrava che era un probabile lipoma delle dimensioni irregolare di circa 3*2cm. Mi accennava solo al fatto che se eventualmente si dovrà rimuovere forse un anestetico locale non andava bene e si procederà con anestesia generale. Lei mi ha descritto i vantaggi ma quali sono le cose negative a cui andrò incontro con l intervento? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
L'intervento stesso presenta risvolti negativi: il taglio, l'anestesia (locale o generale che sia), il post-operatorio, etc... Compito del Chirurgo è proprio quello di valutare pro e contro e poi decidere cosa sia meglio fare, cioè se soprassedere oppure operare.
Cordiali saluti