Utente 304XXX
Buongiorno, desidererei un'indicazione in merito a sostituzione valvola aortica (verosimilmente bicuspide, calcifica).
Il dubbio principale riguarda la scelta del metodo (tradizionale con sternotomia totale o mininvasivo-robotico).
Sono attratta dal secondo. I cardiologi però lo sconsigliano in relazione alla storia recente della pratica.
Per il bulbo aortico e l'aorta ascendente lievemente dilatati:
secondo il cardiochirurgo che praticherebbe la mininvasiva il bentall non è necessario; secondo il cardiochirurgo che pratica la tradizionale invece sarebbe da valutare all'apertura.
Che fare?
Per quanto riguarda il tipo di valvola: meglio la bovina o la porcina ?
Quali disturbi ci si può attendere nel post-operatorio?
Per quanto tempo eventuali fibrillazioni o aritmie o...?
Non so che fare,
Grazie mille
LT

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Bisognerebbe conoscere con precisione le dimensioni dell'aorta ascendente.

Se le dimensioni non fossero eccessive, si può tranquillamente prendere in considerazione l'ipotesi mininvasiva.

Probabilmente alla sua età meglio una protesi in pericardio bovino, ma non c'è una enorme differenza tra le 2.

Sappia in ogni caso che una bioprotesi alla sua età avrà una durata di circa 15 anni al massimo e che quindi potrà rendersi necessario un trattamento, magari percutaneo, della bioprotesi degenerata.

Aritmie benigne sono relativamente comuni nei primi tre mesi di postoperatorio.

Ad un mese dall'intervento potrà tornare alla sua vita normale.

GI



[#2] dopo  
Utente 304XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille Dottore!
L'aorta ascendente dovrebbe avere diametro di circa 4 cm.
Ieri pomeriggio ho visto un cardiochirurgo che, in base alla coronarografia di un anno fa, escluderebbe necessità di intervento sul bulbo aortico.
Grande esperto di cardiochirurgia tradizionale; praticherebbe ora una mininvasiva (ministernale) con metodologia classica (non robotica ma visivo-manuale).
Lei che dice?

Per quanto attiene l'eventuale necessità di futuro trattamento percutaneo, a Suo avviso, meglio inserire ora una valvola stented?
Grazie ancora per la Sua cortesia e la disponibilità,
LT

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
La ministernotomia è una soluzione molto valida.

Le dimensioni dell'aorta non sono in alcun modo preoccupanti.

La protesi stented assicurano un più agevole trattamento percutaneo in futuro.

GI