Utente 294XXX

Gentili dottori, sono un ragazzo di 23 anni.
Da circa due anni sperimento una sensazione di malessere dopo il rapporto sessuale (leggera nausea, tensione nervosa, bruciore ad urinare). Ho portato questo mio problema ad un andrologo che mi ha consigliato di eseguire uno spermiogramma.
Inoltre, ero già a conoscenza di avere un varicocele di secondo grado (diagnosticato circa due anni fa). Il medico, dopo avermi visitato, mi ha consigliato di ripetere l’ecografia che infatti ha evidenziato un peggioramento: ora ho un varicocele di terzo grado.
Quando sono tornato con il risultato degli esami lo specialista non ha avuto dubbi: mi devo operare. La cosa che lo ha spinto a tale scelta, è stato proprio lo spermiogramma, da lui definito “bruttissimo”.
Di seguito i risultati:

ESAME LIQUIDO SEMINALE

Volume: 3,5
pH: 7,8
Aspetto: opalescente
Fluidificazione: completa
Viscosità: normale

Analisi microscopica

Numero di spermatozoi – concentrazione/mL: 1,65
Numero di spermatozoi – concentrazione/Eiaculato: 5,80

Motilità

Motilità lineare (veloce + lenta): 3%
Motilità non lineare (discinetica): 9%
Motilità agitatoria in loco: 26%
Spermatozoi immobili: 62%

Morfologia

Forme tipiche: 10%
Forme atipiche: 90%
Anomalie della testa: 70%
Anomalie del collo: 13%
Anomalie della coda: 3%

Test di vitalità: 55%

Leucociti: alcuni
Emazie: alcune
Elementi della linea germinativa: rarissimi
Zone di spermio agglutinazione: assenti
Batteri: assenti

Tuttavia, per pressione da parte dei miei genitori, ho chiesto un altro parere. Il secondo andrologo, invece, è sembrato molto più dubbioso circa l’operazione, dicendo che lo spermiogramma non era completo di tutti i valori e che bisognava ripeterlo prima di prendere una decisione in merito.

I dubbi che mi pressano sono:

-quante sono le possibilità che operando il varicocele i miei valori di fertilità migliorino?
-i problemi che rilevo post rapporto sessuale possono essere dovuti al varicocele?
-è davvero necessario ripetere lo spermiogramma nonostante i valori sono decisamente negativi?
-il varicocele, alla luce anche del suo andamento in peggioramento, va in ogni caso operato prima o poi? Quindi non sarebbe stupido il pensiero “prima lo faccio, prima mi tolgo il pensiero”?

Al di là delle singole domande, vorrei davvero un Vostro parere (anche pi di uno) sulla decisione di operarmi o meno.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,per porre una prognosi è necessario che esegua i dosaggi ormonali di FSH,LH,Testosterone totale,17 beta estradiolo,Prolattina,SHBG.Inoltre,non ci trasmette nulla circa il volume e la consistenza dei testicoli,nè altri dati sull'esame obiettivo.
Il varicocele,in genere, non tende a peggiorare,non crea problemi sessuali né di altro tipo,se non sporadiche dolenzie locali.Credo che non sia conveniente ascoltare troppi pareri in quanto,fatalmente,finirebbero per confonderLe le idee ulteriormente.Si affidi ad un bravo e paziente andrologo e ne segua i modi ed i tempi dell'intervento diagnostico-terapeutico,considerando che il quadro seminale è notevolmente compromesso.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta.
Il referto dell'ecocolordoppler scrotale (vasi spermatici) dice cosi:

Il tessuto parenchimale è caratterizzato da ecostruttura regolare e omogenea bilateralmente.
La vaginale non presenta ispessimenti, né falde di liquido patologiche bilaterlmente.
A carico del funicolo sinistro si evidenziano immagini di ectasie venose riferibili a varicocele.
Gli epididimi hanno caratteristiche di normalità ecografica bilateralmente.
Entrambi i testicoli presentano volume nella norma.

Il problema è proprio questo, a quale andrologo dovrei affidarmi? A quello che mi dice di operarmi subito o a quello che mi consiglia di aspettare.
Sul fatto di non ascoltare troppi pareri sono d'accordo con Lei, ma quando questi vanno in direzioni differenti allora il problema si pone.

Per quanto riguarda i dosaggi ormonali li ho già eseguiti tempo fa e sono nella norma.
Cosa intende per "quadro seminale notevolmente compromesso"? Che ormai, varicocele o no, c'è poco da fare?

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dal collega Izzo, che mi ha preceduto, il mio consiglio è ora quello di ripetere un altro esame del liquido seminale in laboratorio dedicato e, se il quadro è quello che lei ci ha inviato, con un numero di spermatozoi intorno al milione e mezzo per ml (se ben interpretiamo quello che ha scritto), l'indicazione, vista anche la sua età, potrebbe essere quasi sicuramente di tipo chirurgico.

Comunque, prima di prendere una tale decisione, sarà bene risentire in diretta il suo andrologo di fiducia.

Nel frattempo, se desidera avere informazioni più dettagliate su questo particolare ma complesso tema andrologico, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo da me pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-fare-problemi.html .

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

parta da queset considerazioni: il 20% dei maschi ha un varicocele, Spesso la presenza di varicocele con le sue alterazioi circolatorie può essere motivo di alterata produzione e motilità degli spermatozoi, talora operando un varicocele si ottengono miglioramenti dello spermiogramma
Però, prima di "accusare" il varicocele bisognerebbe essere certi che il suo liquodo semionale sia effettivamemnte così alterato ( dico sempre ai miei lettori che un liquido seminale alterato necessita sempre di uno o due altri esami per confermare o smentire le alterazioni), verificare che la situazione ormonale sia corretta e non alterata, verificare che non siano presenti altre cause di danno della spermatogenesi. Solo Dopo aver fatto questo "percorso" diagnostico si può consigliare un intervento chirurgico
Cari saluti
[#5] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per le risposte.
Avevo già letto l'articolo che mi ha indicato, come altri sull'argomento.
Siete stati molto chiari, ma ho ancora qualche dubbio:
-alla luce dello spermiogramma e dal momento che ho alcuni dolori fastidiosi a livello dei testicoli, aspettare troppo non può far ulteriormente peggiorare le cose? Dico questo perché in un ospedale mi hanno detto che si può aspettare anche un anno prima di essere operati.
-quali possono essere le altre cause della spermatogenesi? L'ecocolordoppler non ha evidenziato anomalie dei testicoli.
-i dosaggi ormonali da controllare sono FSH, LH, Testosterone totale,17 beta estradiolo, Prolattina, SHBG (indicati dal dr.Izzo) o ce ne sono altri?

Mi è già stato detto che potrebbe non essere il varicocele la causa della spermatogenesi e che operandolo la situazione potrebbe anche non migliorare, ma dal momento che ho comunque un varicocele di terzo grado (il più alto se ho ben capito), l'operazione non sarebbe comunque auspicabile?
E' vero che ho fatto solo uno spermiogramma, ma è anche vero che i valori sono molto negativi; credo sia difficile che si tratta solo di un caso.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sempre e soprattutto prima di decidere un eventuale intervento correttivo, in presenza di un varicocele, bisogna avere a disposizione due esami del liquido seminali, fatti possibilmente a distanza di trenta giorni l'uno dall'altro.

Le valutazioni ormonali sono quelle indicate dal collega Izzo.

Faccia queste indagini e poi risenta in diretta il suo andrologo di riferimento.

Ancora cordiali saluti.