Utente 123XXX
Ora come ora mi ritrovo conun testicolo di dimensioni normali, e con l'altro grande quanto un pungo chiuso!!! Devo tornare al pronto soccorso?

Ecco la cronoglia dei fatti:
-Martedì visità dal medico di famiglia per un bruciore al pene durante la minzione, associato ad un episodio di ematuria ( nel primo terzo). Con conseguente prescrizione di antibiotici da assumere dal mattino dopo, dopo avere raccolto i campioni per esami urine e urinocoltura. Mi viene prescritto un antibiotico per 3 giorni.
La stessa sera mi compare febbre a 39.

-Mercoledì: Mi sveglio e riempo i contenitori per gli esami delle urine, e prendo il primo dei 3 antibiotici, ma sin dal risveglio noto uno strano dolore al testicolo destro.
Siccome a pranzo era ancora persistente e di intensità non indifferente corro al pronto soccorso, dove eslcudono una torsione testicolare con ecodoppler vedendo che il flusso ematico era buono, e mi diagnosticano una epididimite secondaria a infezione urinaria.
Mi rimandano a casa con una terapia antibiotica da continuare una volta finita quella del medico di famiglia, associata ad antiinfiammatori.
Dopo la manipolazione da parte del medico il dolore è rimasto forte fino a sera. Durante la giornara febbre a 38 che recede con tachipirina.

- giovedì, cioè oggi, la febbre è calata intorno ai 37,5 stabili, il testicolo destro però è arrivato ad avere dimensioni enormi, è grande quanto un pugno.
Non fa male se lo lascio stare , ma solo se lo tocco.
Il colore dello scroto è roseo , e sembra normale.

Vista la notevole dimensione mi consigliate di tornare al pronto soccorso o è una cosa relativamente normale in corso di epididimite?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello
48% attività
20% attualità
20% socialità
PONTECORVO (FR)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
assolutamente si. Non si allarmi troppo. Probabilmente necessita di terapia antibiotica per via intramuscolare e una terapia antiinfiammatoria e forse cortisonica di supporto