Utente 307XXX
Salve, Sono un giovane ragazzo di 18 anni. Non ho mai accusato malattie cardiache o roba simile. Sono sempre stato un ragazzo energico pieno di forze. a gennaio, decisi di iscrivermi in palestra giusto per passare qualche ora i pomeriggi senza compiti. Dopo circa un mese il mio lavoro si è intensificato in palestra, poichè non avendo un corpo perfetto, e vedendo qualche miglioramento ho deciso di dedicarmi in questa attività 4 volte alla settimana. Purtroppo decisi di seguire un regime alimentare errato (mi cibavo specialmente di proteine, eliminando completamente o quasi i carboidrati). Dopo un mese circa ho sentito la necessità di visitarmi da una nutrizionista, che mi diede un piano alimentare corretto, ma poco dispendioso, poichè le mie ore di palestra si intensificavano a vista d'occhio. abbandonata questa "dieta fai da te" e quella della nutrizionista decisi di mangiare regolarmente, ma non ci riuscii. mangiavo sempre poco, sempre poco, di conseguenza avendo anche giorni di stitichezza, e per rimediare a questo, mi contorcevo lo stomaco per avere anche un minimo stimolo. arrivati a giugno le ore di palestra si intensificavano sempre più ( sono arrivato persino a lavorare 7 giorni su 7 avendo anche una leggera forma di sovrallenamento). verso i primi di giugno ho cominciato ad accusare i seguenti sintomi: continua stanchezza, mancanza d'appetito, reflussi gastrointestinali molto frequenti, sensibilità al freddo, emicranie, dolori muscolari, pesantezza degli arti, continua necessità di dormire. Effettuando una semplice visita di rutin dal mio medico, mi ha riscontrato dei battiti decelerati, che con una accurata visita cardiologa mi ha riscontrato una bradicardia sinusale (arrivando anche a 33-38 battiti al minuto). Hanno tenuto necessario richiedere delle analisi del sangue, e analisi alla tiroide, che purtroppo non potranno essere effettuata immediatamente per problemi burocratici. In questo periodo mi sento sempre fiacco, stanco, mangio in maniera ridotta, perchè mi sento sempre subito sazio, ho fatica a respirare, e mi stanco per qualsiasi cosa faccia, persino trovo fatica a parlare o respirare col naso. Ho continui giramenti di testa, seguiti da forte fischi alle orecchie, e attimi di sbandamento, Ho difficoltà a stare in piedi. Ora che le ho descritto la mia situazione le chiedo, secondo lei sarà qualche scombussolamento dei valori poichè non mi nutro abbastanza? se la risposta risulta negativa, quele puo' essere la causa di tutto questo malessere he giorno dopo giorno mi sta distruggendo? Grazie di aver visionato la mia domanda, Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Lei ha postato la domanda nell'area cardiologia, pertanto mi limiterò a risponderle per quanto di mia competenza. I disturbi che riferisce a mio giudizio sono assolutamente indipendenti dal cuore. I battiti lenti in un soggetto allenato come lei (anzi direi "superallenato") sono perfettamente normali. Continui a seguire i consigli dei colleghi e valuti il problema su altri versanti.
Saluti cordiali