Utente 311XXX
sono stata operata di ernia inguinale con il posizionamento della rete a novembre, notavo a dicembre a distanza di un mese dall' operazione che la pelle attorno alla ferita era normale, ma un po' gonfia, successivamente presi una botta vicino alla ferita su uno spigolo, dopo una settimana circa la pelle divento' rossa e molto calda, mi rivolsi al chirurgo che mi aveva operata il quale decise di fare due fori per drenare quello che c'era all'interno ne uscii l liquido, siero misto a pus, a maggio usciva ancora il siero da uno dei fori e il chirurgo decise di rioperare e togliere la rete e mettere dei punti sulla parete, sembrava tutto a posto la pelle era normale e questa volta non ero gonfia come la volta precedente, tre settimane dopo, si sono aperti tre fori dai quali esce tuttora siero, dicono che forse sono allergica ai punti non a quelli della parete in naylon ma a quelli intermedi. ha qualche consiglio da darmi, e di solito dopo quanto si risolve il problema, i punti interni in caso di allergia devono essere per forza rimossi oppure una volta che si sciolgono finisce il problema ? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Se si tratta di suture riassorbibili il disturbo prima o poi dovrebbe terminare. Volendo si può aiutare il processo e minimizzare i disturbi utilizzando alcuni farmaci, sia per via sistemica che per infiltrazione locale: questo però è un argomento che va trattato esclusivamente con il suo Medico Curante, oppure con il Chirurgo che l'ha operata.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2013
grazie per aver risposto alla mia domanda, spero che tutto si risolva per il meglio,
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Ma sì, in genere si tratta di disturbi passeggeri.
Cordiali saluti