Utente 312XXX
salve , da quando ho iniziato a masturbarmi (circa una volta al giorno)(per via di motivi di salute , non per piacere ma credo che questo discorso debba essere portato avanti in un'altro thread) ho notato di avere della pelle che fa da congiunzione tra la stanga e la corona del glande (non è il frenulo , la pelle è nella parte superiore del pene) , (mi scuso per l'immagine poco chiara ma è l'unico metodo che ho a disposizione senza dare una fotografia)
:
https://www.dropbox.com/s/dhh1sjjj4tsv1l5/Immagine.png (non penso di violare le regole del forum : non inserire link a immagini, video o contenuti che potrebbero identificate te o terzi)

la parte nera rappresenta la parte in cui ho questo problema, la pare superiore dell'immagine rappresenta com'era la situazione prima della masturbazione e la parte inferiore dell'immagine rappresenta la mia situazione attuale.
ci tengo a precisare che prima della masturbazione assidua soffrivo anche di firmosi parziale ma che con il tempo ha cessato si esistere (senza alcun' consulto medico). Proprio oggi ho notato (mentre ero in bagno) che avevo della parte rossastra (verso il limite della pelle) che sembrava consumata , allora decisi di toccare e di sforzare in modo molto leggero la parte di pelle in questione e subito si ruppe provocando un leggero fastidio (durato neanche un secondo) e senza fuoriuscita di sangue .
Sapete dirmi se questa situazione è normale?
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

l'immagine da lei postata non è visibile e ci rimanda ad un sito non sicuro quindi poco le possiamo dire di serio e preciso.

Detto questo comunque si ricordi che, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la reale causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare soprattutto a livello terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare, senza perdere altro tempo prezioso, in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.