Utente 701XXX
salve confido in una risposta il piu veloce possibile...ho 16 anni e m sto avvicinando ad avere rapporti con la mia ragazza ma ho paura di avere qualche cosa che non va...infatti c sn volte dove provo difficoltà a "scappellarlo" quando è in erezione e rimane quasi tutto coperto e volte in cui s scopre del tutto o quasi, però quando è scoperto sento dolore alla "cappella" anche solo al minimo tocco con la mano o con la bocca della mia ragazza io resisto e stringo i denti anche se sto dolore non mi permette di vivere pienamente i miei rapporti con la mia ragazza vorrei chiedervi cosa potrebbe essere, perchè mi vergogno a parlarne con i miei e fare una visita per il fatto dello "scappellamento"penso anche sia dovuto al fatto che sono ancora vergine, comunque il fatto che mi faccia male al tocco non penso sia del tutto normale e non penso sia un infiammazione perchè comunque e da quando ho iniziato a masturbarmi che ho sto problema che si attenua se sono nell'acqua dove praticamente non ho male...certo della vostra risposta cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro ragazzo,le esperienze si maturano vivendo e,secondo quanto ci racconti,l'inizio non é dei migliori...A naso ritengo che il problema risieda nella eveginazione del prepuzio sul glande (scappellamento) che come ben sai non può essere affrontata...per mail...Prendi il coraggio a due mani e parla con Tuo padre e con il medico di famiglia.Diffida da altre soluzioni che non possono garantire un pieno benessere sessuale e...l'estate si avvicina!
Un caro saluto.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro giovane lettore,
ascolti la saggia indicazione del collega Izzo. Ne parli con i suoi genitori, eventualmente con il suo medico curante. Il passaggio finale poi, se sarà considerato necessario, è quello di fare una attenta valutazione con un esperto e "sensibile" andrologo.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com