Utente 278XXX
Buonasera avrei bisogno di un parere, soffro di tachicardia e nessuno mi ha detto da cosa può dipendere dopo varie analisi risulta anche che ho cortisolo e adrenalina alti ma l'endocrinologo dice che non ho nulla e che è un problema cardiaco mentre il cardiologo non sa da cosa può dipendere e per questo un cardiologo mi ha dato i beta bloccanti un altro i calcio antagonisti e addirittura il medico di famiglia mi ha detto di scegliere quali dei due preferivo, alla fine visto che entrambi mi davano effetti collaterali ho rinunciato a prenderli e cerco di convivere con la tachicardia evitando qualsiasi sforzo come camminare salire le scale ecc, oggi però dovevo salire al secondo piano e c'era l'ascensore guasto così sono stata costretta a prendere le scale, sono andata pianissimo ma alla fine delle scale mi sono sentita male, il cuore mi batteva fortissimo e non riuscivo più a respirare, dopo un minuto che non riuscivo a prendere il respiro ho cominciato ad avvertire anche giramenti di testa alla fine però mi sono seduta e quando finalmente il cuore ha ripreso a battere normalmente è passato anche se mi è rimasto una specie di stordimento, inoltre credo di avere anche l'ipotensione ortostatica nel senso che se mi abbasso e poi mi rialzo il cuore impazzisce e comincio ad avvertire tachicardia, giramenti di testa, offuscamento della vista e a volte ho perso i sensi per questo motivo. Quello che vorrei chiedervi non è tanto la causa di questa tachicardia che non riesco a risolvere, perchè capisco che è impossibile capirlo tramite un consulto online, ma piuttosto cosa potrei fare, a chi potrei rivolgermi, possibile che a 23 anni mi devo rassegnare a vivere in questo modo? sempre se riesco a sopravvivere! possibile che non esista un test o qualsiasi cosa che mi possa dire da cosa dipende? mi scuso per il disturbo spero di ricevere un vostro parere perchè davvero sono in una situazione senza via di uscita. vi ringrazio cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Intanto il fatto che "l'adrenalina sia alta" NON e' assolutamente normale.. Com'e' stata dosata? ha eseguito una Ecografia dei surreni? una TC dei surreni?
Una volta stabilito questo e' fondamentale che lei esegua un Holter cardiaco delle 24 ore per valutare se i suoi siano solo episodi di tachicardia sinusale (che valori di frequenza raggiunge?) od invece se lei non abbia invece degli episodui di tachicardia sopraventricolare.
In altre parole, terapia a parte , occorre sapere di cosa si sta parlando proprio per indirizzare la terapia.
Arrivederci
[#2] dopo  


dal 2014
Dr. Cecchini la ringrazio molto per la sua risposta, allora l'adrenalina è stata dosata nelle urine delle 24 ore e risulta 60 microgr e il massimo era 22, feci un ecografia da cui non risultò nulla a carico dei surreni, non contenta feci una risonanza anch'essa negativa infatti c'è scritto:'' le ghiandole surrenaliche si presentano nei limiti morfo-dimensionali della norma. in particolare non si rilevano a loro carico formazioni a carattere espansivo, almeno di quelle rientranti nei limiti della risoluzione''. per quanto riguarda l'holter lo feci un anno fa quando cominciai a stare male, da questo holter risulta un ritmo sinusale tachicardico di base e degli episodi a frequenza massima di 175 bpm che il primo cardiologo disse che poteva trattarsi di TPSV mentre altri e 3 mi hanno detto che ''molto probabilmente'' è sinusale. Alla fine non riuscendo a capire quale potesse essere la causa cominciai anche a pensare ad un problema di ansia (anche se non mi sento ansiosa ma nella vita tutto è possibile) e sono andata anche 3 mesi da uno psicologo il quale mi ha detto che non ho nessun problema di ansia e che avrei dovuto trovare la causa del mio malessere. Per questo stavo cercando di accettare questo problema e conviverci ma è dura perchè per conviverci sto evitando di camminare, di fare le scale, di fare sforzi ma a volte è inevitabile e quando succede, come è successo ieri, sto parecchio male. Non so che altri accertamenti potrei fare e a chi potrei rivolgermi visto che ormai ho girato tutti i cardiologi e gli endocrinologi presenti nella mia zona ma tutti mi hanno abbandonato dicendo che non possono aiutarmi addirittura un medico mi disse che tutti devono morire e che devo rassegnarmi perchè non sono immortale, lo so che dobbiamo morire ma chiedo solo che questi giorni che vivo di viverli in condizioni un po' migliori di quelle attuali. la ringrazio ancora è stato molto gentile e spero di avere un suo parere. cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Un ritmo sinusale difficilmente raggounge la FC di 175 bpm. e pertanto penso che l'ipotesi del Collega che le ha parlato di tachicardia sopraventricolre sia attendibile.
Ovviamente non posso vedere il traciato per fornirle una mia opinione, ma dati i valori di frequenza documentati,sarebbe opportuno che lei eseguisse uno studio elettrofisiologico intracavitario, tenendo anche conto del fatto che lei descrive episodi pre-lipotimici che non vanno certo classificati come ansia, fino a prova contraria.
Arrivederci
[#4] dopo  


dal 2014
la ringrazio molto per la sua disponibilità, anche se può sembrare una cosa brutta io spero quasi che sia questa la causa almeno potrei sperare di risolvere la situazione, cercherò di eseguire qualche altra visita cardiologica con la speranza di risolvere. la ringrazio molto, cordiali saluti.