Utente 309XXX
Salve,

vorrei chiedere alcuni chiarimenti in merito ai risultati degli esami di laboratorio per la tiroide di mia moglie.

Tali esami sono stati prescritti dal cardiologo dopo una visita cardiologica, fatta a seguito di svariati episodi di tachicardia, che non ha riscontrato alcuna anomalia.

Il referto e' il seguente:

TSH = 1,32 uIU/ml v.n. 0,35-5,5
FT3 = 3,61 pg/ml v.n. 2,35-4,2
FT4 = 1,04 ng/ml v.n. 0,89-1,76
AAT < 15 UI/ml v.n. 15-60
AbTPO = 34,5 UI/ml v.n. 28-60


Il dubbio principale e' legato al valore degli anticorpi anti tireoglobulina per i quali il laboratorio di analisi non ha specificato un valore esatto come per gli altri valori riportati, ma semplicemente un valore < 15UI/ml che in aggiunta risulterebbe essere al di fuori del range dei valori normali da loro riportati.

Secondo voi e' un problema avere il valori degli AAT cosi' bassi al punto da essere al di fuori della norma?
Inoltre considerando l'esito dell'esame nel suo insieme, si puo' stare tranquilli e classificarlo come "nella norma" o sono consigliati ulteriori approfondimenti?

Si puo' in caso mettere in relazione una eventuale alterazione della tiroide con episodi di tachicardia?

Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente
l'unico approfondimento che le consiglio è di cercare di docuemntare gli episodi di tachicardia (o con Holter ECG seriati o con un ECG durante gli episodi di tachicardia o in ultima analisi con uno studio elettrofisiologico). La tiroide di sua moglie è normale e non gioca alcun ruolo nella genesi dei suoi disturbi.
Cordialità