Utente 324XXX
Buongiorno, vorrei un porVi una domanda in attesa della visita cardiologica che ho il 14 gennaio. Ho sempre avuto una tachicardia sinusale,a detta di tutti dovuta al mio somatizzare tutto. Ho appena eseguito ecocardiografia color doppler,RX torace e eco addome,ECG a riposo. Tutto negativo a parte la mia solita frequenza 110/120.Dagli esami della tiroide risulta un ipertiroidismo sub-clinico. In passato non c'era. Mi domando quindi se potrebbe essere davvero la tiroide a provocarmi questa accelerazione dei battiti,che io avverto o in stati d'ansia o quando faccio un movimento tipo alzarmi da letto o sedia o anche solo stiracchiarmi. Ho imparato a conviverci ma non vorrei fosse un'aritmia pericolosa, ho fatto un holter anni fa che evidenziava ritmo sinusale e una pausa notturna di 2 ,4 sec. Vorrei ripeterlo ma ho un po' paura,nel caso dovrei pensare a un'ablazione o sarebbero sufficienti beta- bloccanti?ne esiste qualcuno compatibile con l'allattamento?cordiali saluti e buon anno.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In un ipertiroidismo subclinico in una paziente femmina, giovane come lei, piccole dosi di beta bloccanti risolverebbero il problema aritmico. Ne parli con il suo medico.
Auguri di buon anno