Utente 732XXX
Buon giorno, sono Matteo, un ragazzo della provincia di Milano di 28 anni. Ho trovato il Vostro indirizzo e-mail navigando su internet e Vi scrivo per richiederVi un Vostro gentile parere.
Da 4 anni e mezzo ho un dolore fisso dietro la coscia sinistra: provo un forte fastidio da quando mi sveglio la mattina fino a sera. Quando mi siedo, solamente dopo pochi istanti, il fastidio diventa dolore fino a diventare insopportabile. Questa cosa mi crea grossi problemi nella vita di tutti giorni: a casa, sul lavoro e in auto… su ogni sedia o divano e spesso sono costretto anche a mangiare in piedi.
Dopo 4 anni di visite, (massaggi, terapie, esami, risonanze e lastre a schiena, coscia e ginocchio) e averne sentite “di tutti i colori”… finalmente ieri mi hanno dato una diagnosi precisa: pare che si tratti di una varice sul nervo sciatico e mi hanno consigliato una visita da un chirurgo vascolare.
Sono preoccupato: Vorrei sapere se esiste qualche cura o se un operazione chirurgica e' possibile vista la critica posizione della varice. Ci sono rischi di compromettere il nervo sciatico?
Inoltre tuttora non saprei a chi rivolgermi. Se sapete di un esperienza simile o se potete aiutarmi Ve ne sarei grato fin da ora..
Sono disperato. Il dolore con il passare del tempo peggiora e io non lo sopporto più. Per maggiori informazioni sulla mia rarissima patologia o se potete aiutarmi, Vi sarei davvero grato se mi contattate per e-mail.
matteo2t@libero.it
Grazie Grazie Grazie
Distinti saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Carlo Castellani Tarabini
20% attività
0% attualità
8% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
Caro Matteo, la varice del nervo sciatico non è poi così infrequente. Sarebbe opportuno effettuare anche uno studio emodinamico accurato sia delle vene dell'arto inferiore che di quelle pelviche. Bisognerà cercare di capire il sangue in queste vene da dove viene e dove va. In base a queste valutazioni si potrà stabilire la terapia ideale, non necessariamente chirurgica, forse si potrebbe tentare anche con la scleroterapia ecoguidata.
Nel frattempo è indispensabile una corretta postura, evitare di stare seduto troppo a lungo, trattare il dolore per non incorrere in posizioni "antalgiche".

Cordiali saluti,

Carlo Castellani Tarabini.