Utente 166XXX
Salve,
Ho 27 anni, scrivo in quanto a volte con la mia ragazza vengo colto da mancanza di desiderio e non so come affrontare questa cosa. (Diciamo) il 95% delle volte va tutto bene, ma è capitato già piu di una volta (3-4 volte in 6 mesi) che lei abbia voglia quando io non ce l’ho e che, anche se fortemente stimolato, oramai la mia mente si perde nel limbo “adesso non ho proprio voglia”. Poi ovviamente lei ci rimane male perché non si sente desiderata (fatelo capire poi voi che non è cosi) e io di conseguenza. Lo facciamo regolarmente e senza problemi, ma a volte mi succedono questi episodi in cui non mi scatta quella molla di desiderio dentro in quei primi 10 secondi o la perdo nei preliminari. L’ultimo episodio: eravamo sul divano e avevo voglia di farlo (erezione compresa), decido pero di fare la doccia prima, esco, lei mi accoglie un po’ di sorpresa (perché ero piu io ad avere voglia prima) molto sexy e lì ho avuto un calo di desiderio e come si dice sono andato in bianco. Ho avuto in passato episodi di ansia da prestazione, ma ormai con la mia ragazza ci sto insieme da 6 mesi (la amo e mi piace da morire) e abbiamo un buon feeling e dialogo. Non so cosa penso in quei secondi iniziali, probabilmente il mio pensiero è: ora non ho voglia, non avrò l’erezione e quindi vado in ansia (credo io). Inoltre conoscendomi, può anche essere il fatto che, per come sono fatto, non mi eccita molto che una donna conduca il gioco sessuale, che sia lei a dettare i tempi ecc...a volte diciamo sono un pò "egoista"...
Vi chiedo dunque se sapete cortesemente dirmi se è una cosa normale e come posso affrontare questa situazione con la mia ragazza o magari è necessario rivolgersi ad un sessuologo?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

dal suo racconto sembrerebbe trattarsi di una problematica psicologica, infatti sembrerebbe che questa "aggressività femminile" si traduca in un ansia da prestazione e quindi ad un calo erettivo. Si confronti prima con l'andrologo e quindi se sarà confermata la diagnosi servirà anche il sessuologo.

Un cordiale saluto