Utente 713XXX
Buongiorno a tutti...il problema dell'alopecia androgenetica è un problema che interessa una buona percentuale di uomini...attualmente esiste qualche cura (ad esempio propecia e similari) che non garantiscono effetti sempre soddisfacenti e soprattutto con parecchie controindicazioni e poi il microtrapianto che consiste nel prelevare da una zona donatrice (la nuca) una quantità di bulbi da innestare nella zona critica. Anche questa opzione non è da considerarsi una soluzione definitiva, visto che se una persona è soggetta ad alopecia abdrogenetica rischia poi di tappezzarsi la testa sempre con il passare del tempo e con l'evoluzione negativa dell'alopecia androgenetica.

L'altro giorno per caso ho sentito in tv parlare di una nuova soluzione pare definitiva per curare qualsiasi genere di calvizie.
E' una soluzione ancora in via di sperimentazione e sembra che possa essere usata a partire dalla fine del 2009.
Consiste nel trapianto di cellule staminali.

Quanto di vero c'è in tutto cio'?
Sara' finalmente una soluzione definitiva?
Quanto costera'?
E la fine del 2009 coinciderà veramente con la fine del terrore di tutti noi di diventare calvi?

Grazie per le risposte.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

le rispondo con un adagio anglo-sassone: "QUITE & WATCH" : con calma, attendiamo e vedremo:

E' compito del Medico mettere in guardia i propri pazienti dal bombardamento mediatico che ogni giorno arriva da ogni forma di comunicazione:

se è vero che il trapianto di cellule staminali sarà una importante frontiera, magari del prossimo futuro, ad oggi i presidi farmacologici esistono e debbono essere impostati dal dermatologo e non consistono ancora nel trapianto di cellule staminali come terapia attualmente disponibile su vasta scala.

per comprendere qualche dato suppletivo sulla Calvizie le indico la letture di questo articolo del sottoscritto presente su questo portale nella sezione Minforma

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=20173

cari saluti